11 Gennaio 2023
18:06

Gasparri confonde date della guerra di Crimea e dell’Unità d’Italia, Calenda: “Busto di Cavour caduto”

Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, durante le dichiarazioni di voto al Senato per il decreto Ucraina, sbaglia a collocare cronologicamente due importanti eventi storici, la guerra di Crimea e l’Unità d’Italia. Botta e risposta con Calenda su Twitter.
A cura di Annalisa Cangemi

"Senza fare una lezione di storia, non ho questa presunzione come altri, però qualche libro è bene leggerlo, ogni tanto. Il caso più recente è la guerra di Crimea, che nel 1861-63 vide impegnato il Regno di Piemonte, non c'era ancora l’Italia unita, e Cavour mandò i Bersaglieri, che già esistevano, a una guerra per inserire il Regno di Piemonte nel contesto internazionale, per avere l'appoggio per il processo di unificazione italiana che era in corso con le guerre del Risorgimento. Andarono i Bersaglieri in Crimea a combattere guerre tra Russia e la comunità internazionale. Purtroppo questo problema non è nuovo". A parlare è Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, durante le dichiarazioni di voto sul dl Ucraina a Palazzo Madama.

Il senatore però fa confusione con le date: la guerra di Crimea si colloca infatti tra il 1853 e il 1856, e l’Italia nel 1861 era già unificata. Due errori da matita blu, che non passano inosservati. Se ne accorge il leader di Azione Carlo Calenda, che lo provoca sui social: "Oggi Gasparri, in risposta al mio intervento, ha voluto mostrare la sua profonda conoscenza della storia moderna, citando la famosa guerra di Crimea del 1861. Il busto di Cavour è caduto dal piedistallo", ironizza su Twitter il leader del Terzo polo, aggiungendo una "nota a margine: Maurizio Gasparri è parlamentare da 20 anni ma non conosce la data dell'unità d'Italia. Poi ditemi che non abbiamo un problema di istruzione in questo Paese". 

A stretto giro arriva la replica di Gasparri: "Sono lieto di avere costretto Carlo Calenda ad aprire un libro per scoprire cosa fosse stata la Guerra di Crimea a cui partecipò il Regno di Sardegna. Ma forse si è limitato a consultare Wikipedia. Lui i libri non sa manco cosa siano", ha scritto su Twitter il vicepresidente del Senato.

Ma Calenda non molla: "Ti rendi conto che hai detto che la Guerra di Crimea ha avuto luogo nel 61-63 quando c’era il Regno di Sardegna? Ti rendi conto che l’hai detto nell’aula del Senato. E ti rendi conto che lo hai detto mentre cercavi di impartirmi una lezione di storia? E insisti? Povera patria".

La destra vuole istituire la festa nazionale per l'Unità d'Italia il 17 marzo
La destra vuole istituire la festa nazionale per l'Unità d'Italia il 17 marzo
Calenda dice che sul nucleare è più vicino alla destra che a Schlein. E Italia viva lo attacca
Calenda dice che sul nucleare è più vicino alla destra che a Schlein. E Italia viva lo attacca
Conte:
Conte: "Meloni faccia di bronzo, sta trascinando l'Italia nella guerra in Ucraina"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni