858 CONDIVISIONI
Fondi russi alla Lega
23 Ottobre 2019
17:59

Fondi russi alla Lega, le domande del M5s a Salvini: “Scappa sempre, ma deve chiarire”

Il Movimento 5 Stelle chiede a Matteo Salvini di chiarire il suo legame e quello della Lega con Gianluca Savoini sul caso dei presunti fondi russi al Carroccio. E lo fa attraverso quattro domande che pone proprio a Salvini, partendo dalla prima, pubblicata sul blog delle stelle: “Perché Salvini aveva fatto credere quasi di non conoscere Savoini nonostante fosse il suo ex portavoce?”.
A cura di Stefano Rizzuti
858 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Fondi russi alla Lega

Ora è anche il Movimento 5 Stelle a incalzare Matteo Salvini sulla vicenda dei presunti fondi russi alla Lega. E lo fa attraverso un post sul blog delle stelle, con cui chiede al leader leghista di rispondere ad alcune domande dopo la pubblicazione dell’inchiesta di Report. I 5 Stelle pongono “quattro semplici domande al capo della Lega”, a partire da una riguardante il suo rapporto con Gianluca Savoini: “Perché Salvini aveva fatto credere quasi di non conoscere Savoini nonostante fosse il suo ex portavoce, avesse partecipato a moltissimi convegni della Lega, ci fossero numerose foto e video che li ritraggono insieme e che fossero amici da 30 anni?”. Il post viene lanciato con tanto di hashtag #SalviniRispondi e la domanda “prima i russi o prima gli italiani?”.

Il post firmato dal Movimento 5 Stelle inizia con un attacco diretto al leader leghista: “Matteo Salvini è scappato dal Parlamento, non ha chiarito la vicenda legata ai presunti fondi russi alla Lega e continua a non rispondere a legittime domande. Lo abbiamo visto, incalzato dai cronisti di Report, imbarazzato in certi silenzi e imbarazzante nelle solite battute puerili che non fanno ridere nessuno. I cittadini chiedono semplicemente trasparenza e verità: Salvini non risponde. Eppure si tratta di un’inchiesta per presunta corruzione internazionale che riguarderebbe lui e la Lega, con contraddizioni e punti oscuri ancora tutti da chiarire e che politicamente vanno subito chiariti”.

L’inchiesta di Report, secondo i 5 Stelle, “svela alcuni retroscena sui rapporti tra Matteo Salvini e Gianluca Savoini. Come racconta Luigi Moncalvo, ex direttore de “La Padania”, pare che i due fossero “compagni di merende, legati da una forte amicizia che si è cementata in un rapporto «di grande complicità» quando entrambi lavoravano al quotidiano. Era un periodo quello, dice Moncalvo, in cui Savoini era il “punto di riferimento” della redazione politica del quotidiano e Salvini un giornalista poco disciplinato: secondo l’ex direttore, una volta a capo della Lega, Salvini avrebbe designato Savoini come suo portavoce proprio perché “gli doveva molto, Savoini ha impostato Salvini, è una sua creatura”. Le immagini di archivio Rai del 2013, mostrate da Report, intercettano Savoini alla prima conferenza stampa di Matteo Salvini da segretario del Carroccio, a conferma del forte legame tra i due”.

858 CONDIVISIONI
Fondi russi alla Lega
40 contenuti su questa storia
Interrogata Irina Aleksandrova: era presente all'incontro tra Matteo Salvini e il vicepremier russo
Interrogata Irina Aleksandrova: era presente all'incontro tra Matteo Salvini e il vicepremier russo
Russiagate, spuntano nuovi elementi: teste russa sentita dai pm e gli audio telefonici di Meranda
Russiagate, spuntano nuovi elementi: teste russa sentita dai pm e gli audio telefonici di Meranda
Fondi russi alla Lega, Conte attacca Salvini: “Io riferisco e lui tace, deve chiarire”
Fondi russi alla Lega, Conte attacca Salvini: “Io riferisco e lui tace, deve chiarire”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni