Dopo le accuse di Giuseppe Conte nei confronti di Matteo Salvini, arrivano anche quelle di Luigi Di Maio. Che parlando al Tg1 subito dopo le parole del presidente del Consiglio sulla crisi di governo aperta oggi dalla Lega e dal suo leader e ministro dell’Interno, va all’attacco: “Salvini ha fatto cadere il governo che ha fermato gli sbarchi, ridato lavoro, votato la legge anticorruzione, fatta quota 100. Lo ha fatto cadere perché ha messo i sondaggi davanti agli interessi del paese, nella storia questo si paga, gli italiani non sono sprovveduti”. Di Maio chiede “coraggio: si venga in Parlamento la prossima settimana”, afferma ribadendo la necessità di parlamentarizzare la crisi.

Le accuse a Salvini proseguono: “Trovo surreale che Salvini dopo aver passato due settimane in spiaggia, venga a Roma e sfidi i parlamentari a venire in Parlamento”. Poi continua: “I fatti sono chiari, Salvini ha fatto cadere il Governo che aveva fermato gli sbarchi in Italia, ha fatto cadere il Governo che con i miei decreti aveva portato l'occupazione al massimo storico in Italia, che ha fatto il reddito di cittadinanza, quota 100, la legge anti corruzione e il fondo per l'innovazione”.

Di Maio sottolinea un aspetto importante dal punto di vista economico: “Con le elezioni di ottobre ci sarò un governo che si insedierà a dicembre, il che farà aumentare l’Iva”. “Noi siamo pronti al voto”, aggiunge il ministro del Lavoro, evidenziando che però il tema vero è quello della responsabilità. E le accuse alla Lega continuano: “Noi stavamo per togliere le concessioni autostradali ai Benetton e la Lega si è sempre opposta e adesso ha fatto saltare questa operazione e andranno a commemorare le vittime del Ponte Morandi senza fare questa cosa”. C’è ancora un appello rivolto da Di Maio a Salvini: “Se è vero che vuole andare al voto perché non tiene alle poltrone, allora si taglino i 345 parlamentari”.