Puntare sui test, aumentando il numero dei tamponi. È questa la chiave della strategia sanitaria italiana sul Coronavirus per i prossimi mesi, come spiega il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante il question time alla Camera. “I test sono un tema strategico per affrontare i prossimi mesi. Ad oggi tutte le istituzioni internazionali riconoscono come gold standard il tampone molecolare classico e noi abbiamo rafforzato le nostre capacità, con oltre 100mila tamponi al giorno e prevediamo di aumentare tale numero”, afferma il ministro della Salute.

I tamponi rapidi in aeroporto

Sempre sui test, Speranza prosegue soffermandosi su quelli in aeroporto: “Con l'ordinanza del 13 agosto per primi in Europa abbiamo dato via libera ai test antigenici utilizzati agli aeroporti. Dopo circa un mese i risultati sono incoraggianti e la valutazione del ministero è che si possano iniziare a utilizzare anche fuori dagli aeroporti”. I tamponi rapidi, spiega ancora il ministro, sono un tema da affrontare “rispetto alla grande questione della riapertura delle scuole, si va in questa direzione. Avere più test a disposizione ci mette nelle condizioni di affrontare meglio anche questa partita”.

Speranza sottolinea inoltre che l’Italia sta “continuando a sperimentare tutto ciò che si muove nella ricerca, tra cui i test salivari. C’è la potenzialità di riscontrare il virus semplicemente con l'analisi della saliva, quindi anche in modo meno invasivo, ma abbiamo bisogno che il processo di validazione possa completarsi, il nostro auspicio è in tempi brevi, ma bisogna conciliare l'esigenza di correre insieme a quella che questi strumenti passino in maniera molto seria e rigorosa tutte le verifiche degli organismi competenti”.

Speranza e la riforma del sistema sanitario

Sul Sistema sanitario nazionale, Speranza parla del progetto italiano: “Avremo una grande opportunità perché per la prima volta potremo fare una riforma del Ssn in un tempo in cui ci sono più risorse. Dobbiamo recuperare il terreno perduto sulla sanità digitale e valorizzarlo come un tema chiave della riforma. Quindi useremo tutte le risorse disponibili per investire su telemedicina e digitale e investiremo in un nuovo piano per sostituire tutti i macchinari obsoleti nel nostro paese”. Speranza conclude: “Investiremo risorse su un nuovo piano per sostituire tutte le apparecchiature obsolete nel nostro paese”.