29 CONDIVISIONI
Elezioni europee 2024

Cosa ha detto il generale Vannacci su una sua candidatura alle elezioni europee

Il generale Vannacci, al momento in licenza e sotto inchiesta interna per i contenuti del suo libro, sta riflettendo su una sua candidatura alle elezioni europee di giugno 2024.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Tommaso Coluzzi
29 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni europee 2024

Il generale Vannacci scherza, ci gioca, ma alla fine – forse – si candiderà davvero. Nei giorni in cui continuano a uscire sui giornali retroscena che raccontano di un accordo segreto già siglato con la Lega di Matteo Salvini – che appare l'unico grande partito disposto a candidare veramente il discusso generale, visti i diversi episodi in cui il leader del Carroccio ha espresso un apprezzamento pubblico per lui – Vannacci torna a parlare, rilasciando una lunga intervista al Fatto Quotidiano. Tra una lettura dei dati abbastanza surreale, in cui si lamenta della distanza tra la rappresentazione "non etero" in prima serata e le stime delle persone omosessuali in Italia, e il solito attacco alle minoranze che discriminano la maggioranza, il generale dice la sua anche sulle voci di una candidatura alle elezioni europee di giugno 2024.

A domanda diretta, Vannacci risponde secco: "Sono un soldato". Poi chiede alla giornalista del Fatto: "Lei mi voterebbe se mi presentassi? Potrei farci un pensierino". E sulla gestione economica della eventuale candidatura, aggiunge: "Se dovessi farla userò il denaro che ho a disposizione, i finanziamenti di chi mi dovesse appoggiare e i proventi del libro". Non male, insomma, anche perché i proventi del libro – se le vendite fossero in linea con le 230mila copie di cui parla il generale – non sarebbero proprio spiccioli.

Certo Vannacci – che nel frattempo è stato messo ufficialmente sotto inchiesta interna per i contenuti del suo libro e si è preso un mese di licenza – è sicuro di piacere alla gente, come spiega lui stesso: "Credo che una buona fetta della società si ritrovi in quello che esprimo – dice ancora nell'intervista – Quando vado in giro molte persone si vengono a complimentare, mi dicono di andare avanti, di non mollare, di non tornare indietro. Persone di tutti i tipi: umili, benestanti, ex militari, operai". Insomma, il generale piace un po' a tutti, ma per esserne davvero sicuro non gli resta che candidarsi. Dalla Lega non sembrano aspettare altro.

29 CONDIVISIONI
66 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni