399 CONDIVISIONI
18 Giugno 2022
15:30

Cosa c’è nella risoluzione del 21 giugno che rischia di mettere in crisi il governo

Cominciano a circolare le bozze di risoluzione da votare martedì prossimo, quando Draghi sarà in Parlamento. Bisogna sciogliere il nodo armi, con il Movimento 5 Stelle che vorrebbe votare un testo che dice che l’Italia “non invierà ulteriori armamenti”. Furia di Di Maio: “Così ci disallineamo dalla Nato e mettiamo a rischio la nostra sicurezza”.
A cura di Tommaso Coluzzi
399 CONDIVISIONI

A tre giorni dalla resa dei conti in Parlamento, ci siamo: cominciano a circolare bozze e controbozze di risoluzione. Il presidente Draghi è pronto per affrontare un Parlamento che si preannuncia infuocato, con alcune forze politiche che dicono di attenderlo al varco da un po'. Se si tratta di campagna elettorale o di una vera presa di posizione lo scopriremo nei prossimi giorni. Anche perché, sulla base di ciò che voteranno Camera e Senato, Draghi dovrà andare al Consiglio europeo alla fine della prossima settimana e spiegare la posizione dell'Italia.

Nel frattempo la data spartiacque per la tenuta del governo era passata in secondo piano per via delle elezioni amministrative e tutto ciò che ne è seguito (e soprattutto che ne seguirà). Il Movimento 5 Stelle si è spaccato tra chi sta con Conte e chi sta con Di Maio – che in questo caso vuol dire anche chi vuole andar fuori dal governo e chi vuole continuare a farne parte attivamente – e preme sulla questione armi. Da questa mattina si parla di una bozza di risoluzione uscita dall'ultima riunione dei giorni scorsi tra i partiti di maggioranza: l'accordo ci sarebbe, ma su cinque punti su sei. Il primo, quello che riguarda le armi – e in generale il sostegno, anche militare, all'Ucraina – è ancora in alto mare.

I cinque su cui ci sarebbe accordo sono l'adesione dell'Ucraina all'Unione europea, la revisione del Patto di stabilità, gli interventi per famiglie e imprese in difficoltà per gli effetti della guerra, l'ok al piano RepowerEu per l'energia e il rafforzamento delle proposte sul futuro dell'Unione. Dopo che sono stati diffusi alcuni stralci di questa risoluzione, in teoria condivisa da tutta la maggioranza, è iniziata a circolarne un'altra: "Si impegna il governo a non procedere, stante l'attuale quadro bellico in atto, a ulteriori invii di armamenti che metterebbero a serio rischio una de-escalation del conflitto pregiudicandone una soluzione diplomatica", si legge in un'altra bozza a cui starebbero lavorando i senatori del Movimento 5 Stelle.

Se si dovesse arrivare a votare un testo del genere, ovviamente, sarebbe un problema enorme per il governo: Partito Democratico, Forza Italia, il centro che va da Azione a Italia Viva, ma anche – paradossalmente – Fratelli d'Italia, che invece dall'opposizione ha appoggiato la precedente risoluzione sull'invio di armi all'Ucraina, voterebbero tendenzialmente contro. Nella Lega e nel Movimento 5 Stelle, invece, cresce il fronte di chi vuole una svolta nell'operato del governo sulla guerra.

Dall'ala governista di entrambi i partiti, intanto, filtra preoccupazione. Il ministro Di Maio, come dicevamo, è in piena rotta di collisione con Conte: "Ho letto che in questo ore c'è una parte del Movimento che ha proposto una bozza di risoluzione che ci disallinea dall'alleanza della Nato e dell'Ue – ha detto a un evento a Gaeta – la Nato è un'alleanza difensiva, se ci disallineamo dalla Nato mettiamo a repentaglio la sicurezza dell'Italia". Con lui anche la viceministra all'Economia, Laura Castelli, che tra l'altro è anche deputata del Movimento: "Io di sicuro non voterei una risoluzione, qualora presentata dal mio gruppo, che va fuori dalla collocazione storica dell'Italia". La partita, in ogni caso, sembra appena cominciata. E da qui a martedì potrebbe succedere di tutto, perfino delle mosse che mettano seriamente in crisi il governo Draghi.

399 CONDIVISIONI
Cosa succede al reddito di cittadinanza con il governo Meloni
Cosa succede al reddito di cittadinanza con il governo Meloni
Cosa succede al reddito di cittadinanza con il governo Meloni
Cosa succede al reddito di cittadinanza con il governo Meloni
347 di Videonews
Cosa farà il centrodestra dopo la vittoria alle elezioni: il programma di governo
Cosa farà il centrodestra dopo la vittoria alle elezioni: il programma di governo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni