17 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Superbonus 110, le ultime notizie

Cosa cambia con il nuovo decreto Superbonus per chi deve chiudere i lavori: tutte le novità

Con il decreto Superbonus non è arrivata nessuna proroga per lo sconto fiscale al 110%. Nel 2024 l’agevolazione resta al 70%, con alcune misure per scontare i lavori dello scorso anno e per facilitare la chiusura dei cantieri. C’è anche un bonus per redditi bassi, che però è ancora da definire.
A cura di Luca Pons
17 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Il dl Superbonus è ufficialmente diventato legge con l‘approvazione definitiva del Senato, arrivata nella serata di martedì. Nonostante mesi di dibattito sulla possibilità di una proroga, alla fine il testo del decreto non è stato cambiato rispetto alle decisioni iniziali del governo Meloni. Si conferma, quindi, che l'accesso al Superbonus 110% è impossibile per le spese effettuate nel 2024, con pochissime eccezioni molto delimitate.

Per chi ha ancora un cantiere attivo, il cambio è evidente: nel 2024 lo sconto fiscale scende dal 110% al 70%. Il decreto prevede due aiuti in queste situazioni. Da una parte, sarà possibile riscuotere i crediti al 110% per tutti i lavori che sono stati effettuati e asseverati entro il 31 dicembre 2023. Dall'altra, chi dovesse decidere di concludere i lavori in anticipo – ad esempio perché non può permettersi di pagarli con le nuove agevolazioni economiche – anche senza aver raggiunto il salto di due classi energetiche che era inizialmente previsto, non dovrà restituire i crediti già ricevuto all'Agenzia delle Entrate.

Quest'ultima sanatoria, però, riguarda solamente coloro che hanno scelto la cessione del credito o lo sconto in fattura. Chi invece lo avrebbe detratto dall'Irpef dovrà rinunciare. Lo scopo di queste misure è agevolare coloro che non hanno ancora completato i lavori, e rendere più semplice l'eventuale chiusura dei cantieri. Senza l'obbligo di restituire i crediti, scende il rischio di un contenzioso con l'azienda edile.

C'è poi un'agevolazione rivolta solamente a chi ha un reddito basso, per compensare il passaggio dello sconto fiscale dal 110% al 70%. Per le famiglie con reddito di riferimento sotto i 15mila euro, che al 31 dicembre 2023 avevano un avanzamento dei lavori di almeno il 60%, infatti, sarà possibile accedere a un contributo per aiutare a pagare la parte degli interventi edili che non ricade nel Superbonus. Sarà applicabile a tutti i lavori effettuati tra il 1° gennaio e il 31 ottobre 2024.

Su questo bonus per redditi bassi non ci sono ancora dettagli specifici. Tutte le modalità per fare domanda, così come i dettagli sul pagamento e gli importi, dovranno essere definite più avanti. Per il momento c'è un aspetto che non fa ben sperare, però. Il fondo dedicato a finanziare questo bonus contiene appena 16 milioni di euro, ad oggi. Una somma che evidentemente basterebbe per compensare solo in minima parte i cantieri ancora aperti.

17 CONDIVISIONI
127 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views