153 CONDIVISIONI
Manovra 2024

Conte dice che la manovra del governo Meloni sarà lacrime e sangue: “Uno schiaffo ai poveri”

Gli scioperi di queste settimane dimostrano che “opposizione sociale e politica” al governo Meloni “si stanno saldando”, perché l’insoddisfazione è “trasversale”. Lo ha detto Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 stelle. Il governo, per Conte, “sta cercando di nascondere una finanziaria lacrime e sangue”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Luca Pons
153 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Manovra 2024

La manovra scritta dal governo Meloni, che il Parlamento sta discutendo e che andrà approvata entro la fine dell'anno, sarà "lacrime e sangue". Lo ha dichiarato Giuseppe Conte, presidente del Movimento 5 stelle, in un'intervista al Quotidiano nazionale. "Per Meloni è suonata la campanella, la ricreazione del governo è finita. Le piazze di questi giorni" mostrano il forte malcontento della popolazione, secondo Conte.

Il riferimento è allo sciopero organizzato da Cgil e Uil: "Anche i sindacati stanno inchiodando il governo alle sue responsabilità, tutelando il diritto al lavoro e mettendo nero su bianco le nefandezze della manovra. Nel Paese si stanno saldando l’opposizione sociale e politica a questo governo, perché le difficoltà sono diffuse e l’insoddisfazione è trasversale". Ma questo non significa che Maurizio Landini, segretario Cgil, abbia ambizioni politiche: "Concentrare l’attenzione del dibattito sulle velleità personali dei leader è un gioco a somma zero che non mi piace".

Conte ha parlato del rapporto Caritas, che ha dato un quadro aggiornato sulla povertà in Italia: "Quasi il 10% della popolazione è in povertà assoluta, oltre 14 milioni sono a rischio povertà ed esclusione sociale". In questa situazione, "quale crescita e coesione sociale puoi garantire al Paese se anziché aumentare le misure di contrasto alla povertà fai cassa su chi ha poco o niente e togli il Reddito di cittadinanza a 400mila famiglie". In più ci sono i tagli alle pensioni e il rifiuto di istituire un salario minimo legale: "Giorgia Meloni pensa di fare un torto al M5s, in realtà schiaffeggia queste persone e compromette un armonico sviluppo del Paese".

Il leader del M5s ha ricordato la tassa sugli extraprofitti delle banche, che nessuno dei grandi istituti pagherà ("ci raccontano che la coperta è corta, ma la coperta è sempre calda per coccolare le banche che fanno extraprofitti miliardari"), e ha sottolineato che con la manovra arriverà un aumento di varie imposte: "Due miliardi di nuove tasse, con pesanti tagli alle pensioni. Lady tax Meloni ha trasformato medici e infermieri – gli eroi della pandemia – in bancomat del governo".

Insomma, ha concluso Conte, "il governo sta cercando di nascondere una finanziaria lacrime e sangue". Ma questo non basta per aprire a un'alleanza più ampia e strutturata con il Pd di Elly Schlein: "Noi siamo sempre stati chiari: sui temi si costruisce l’intesa, non sui retroscena o le photo opportunity . Il salario minimo prima e le interlocuzioni su sanità e manovra poi dimostrano che non c’è nessuna pregiudiziale al dialogo, pur nel rispetto reciproco dei ruoli, senza fughe in avanti o pretese egemoniche". Però restano le distanze su ambiti come la guerra e le spese militari: "Noi su questi temi abbiamo tenuto la barra dritta. La pace, in Ucraina come in Medio Oriente, ha bisogno di coraggio: le frasi di circostanza è bene lasciarle al governo Meloni".

153 CONDIVISIONI
239 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views