704 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Conte dice che il governo non ha ottenuto nulla sui migranti in Europa e rilancia lo Ius scholae

Il leader del Movimento 5 Stelle dice che il governo ha “clamorosamente fallito sui migranti” e non ha “ottenuto nulla in Europa”. Poi rilancia lo Ius scholae: “È una nostra battaglia”. Sul termovalorizzatore di Roma marca le distanze con il Pd di Schlein.
A cura di Tommaso Coluzzi
704 CONDIVISIONI
Immagine

Giuseppe Conte torna ad attaccare il governo Meloni su più fronti, a partire dalla questione migranti. Il leader del Movimento 5 Stelle, intervenuto a Skytg24, va dritto al sodo: "Il governo ha clamorosamente fallito sui migranti – dice l'ex presidente del Consiglio – in Europa non ha ottenuto nulla". Il punto è la protezione speciale, che il governo sta cercando di eliminare sostenendo – anche se è palesemente falso – che esista solo in Italia: "Gli sbarchi sono quadruplicati e adesso il governo vuole rivedere la protezione speciale che è stata ampliata nel governo Conte due, c'è sempre stata e ci deve essere – aggiunge il leader del Movimento 5 Stelle – Il governo è completamente in confusione".

Parlando di migranti, Conte torna anche sullo "ius scholae", considerata "una battaglia del Movimento 5 Stelle". Non lo ius soli, però: "Non sono favorevole, perché riguarderebbe anche chi transita provvisoriamente in Italia – continua l'ex presidente del Consiglio – Stiamo lavorando a una proposta in questi giorni e poi spero si possa arrivare a un testo comune delle opposizioni".

Poi Conte chiama in ballo il Partito Democratico, e per marcare le distanze sulla questione ambientale chiede ai dem di votare insieme al Movimento 5 Stelle sull'ordine del giorno grillino al decreto Pnrr che punta a bloccare il termovalorizzatore di Roma: "La nostra è una richiesta anche al governo – dice il deputato – gli chiediamo di scegliere. Ho visto che c'è chi ha espresso delle perplessità anche all'interno della maggioranza".

Infine il leader del Movimento 5 Stelle torna a parlare anche della guerra in Ucraina, ribadendo il punto: "Solidarietà vera alla popolazione, ma dobbiamo imporre una svolta e l'Italia lo può fare – dice Conte – Dobbiamo essere capofila nella svolta politica e la strategia militare, che ora è l'unica che abbiamo, porta alle conseguenze che ha messo in evidenza Mattarella". Poi ricorda: "Inizialmente abbiamo appoggiato i primi invii militari anche se con sofferenza. Se la strategia sarà quella dettata da Washington, con l'escalation militare noi non ci stiamo più".

704 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views