video suggerito
video suggerito
Superbonus 110, le ultime notizie

Come cambia il Superbonus con lo stop alla cessione dei crediti: è scontro tra M5s e governo

Con l’ultimo decreto del governo sugli interventi edilizi cambiano le regole per il Superbonus: basta sconto in fattura e cessione dei crediti. E il Movimento Cinque Stelle attacca il governo.
A cura di Annalisa Girardi
47 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Stop alla cessione del credito o allo sconto in fattura: cambiano le regole per il Supebonus dopo l'approvazione di un decreto del governo Meloni sugli interventi edilizi. Un testo in cui si legge che "non è consentito l'utilizzo" di queste due opzioni, che erano previste al posto delle detrazioni fiscali, a meno che non sia già stata presentata la comunicazione di inizio dei lavori, la Cila.

Il decreto legge è stato firmato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Secondo il governo il provvedimento era necessario per risanare gli errori del passato: "Il problema non è il Superbonus. Il problema sono i meccanismi di cessione che sono stati disegnati. Chi ha disegnato quei meccanismi senza discrimine e senza discernimento, è lui, o lei o loro i colpevoli di questa situazione per cui migliaia di imprese stanno aspettando i crediti", ha precisato il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti, intervenendo in conferenza stampa.

Per poi aggiungere: "Lo ripeto, non tocchiamo il Superbonus, interveniamo sulla cessione dei crediti d'imposta che ammontano direi a 110 miliardi, questo è l'ordine di grandezza che deve essere gestito, l'obiettivo è dare la possibilità di gestirlo".

Per il leader del Movimento Cinque Stelle, Giuseppe Conte, il decreto approvato dal governo "è un colpo letale all'edilizia", che "gioca sulla pelle di lavoratori e famiglie" e "prende in giro gli italiani, considerando le promesse elettorali del centrodestra". In un'intervista a La Stampa, l'ex presidente del Consiglio ha citato un'espressione usata da Giorgetti, che ieri aveva definito la misura così come era stata scritta dai Cinque Stelle un "bubbone", affermando: "Quello che chiamano bubbone è un Pil cresciuto nel 2021 del +6,7% e nel 2022 del +3,9%, numeri che in Italia non si vedevano da 35 anni. Siamo di fronte a un'insopportabile ipocrisia delle forze di maggioranza".

Infine Conte ha concluso: "Questa è una scorrettezza ai limiti della viltà, tanto più se si considera che la stessa Meloni, in campagna elettorale, pubblicava video con cartelli dal titolo "Pronti a tutelare i diritti del Superbonus e a migliorare le agevolazioni edilizie".  Ormai ai cartelli della Meloni, destinati a diventare carta straccia, siamo abituati, come dimostra il caso delle accise sui carburanti".

47 CONDIVISIONI
141 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views