123 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 12 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
14 Settembre 2022
22:21

Caro bollette, Centrodestra ancora diviso su scostamento di bilancio: scintille tra Meloni e Salvini

Botta e risposta tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni sull’ipotesi scostamento di bilancio, come argine al caro bollette.
A cura di Annalisa Cangemi
123 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Mancano ormai soltanto undici giorni alle elezioni e Salvini e Meloni sono divisi sull'ipotesi scostamento di bilancio, da attuare subito come misura per contrastare il caro bollette aiutare le famiglie in difficoltà. Il segretario della Lega ha ribadito oggi il suo disappunto per la posizione apparentemente irremovibile assunta dall'alleata Giorgia Meloni: "Con meno di 30 miliardi, a debito, l'emergenza non si argina", ha ribadito Salvini.

"Non capisco ritardi e tentennamenti sull'aiutare gli italiani a pagare le bollette di luce e gas.Onestamente non capisco questa prudenza – ha proseguito – Perché i miei alleati sono così restii? Bella domanda…". Ma è soprattutto alla presidente di Fratelli d'Italia che si rivolge, visto che potrebbe essere lei la prossima inquilina di Palazzo Chigi.

"C'è la guerra, c'è il Covid, c'è l'inflazione, intervenire adesso non è un capriccio di Salvini, e mi domando perché Letta e Meloni dicano di aspettare l'Europa quando tutti gli altri paesi stanno intervenendo. A quelli che dicono di no dico che sono soldi ben spesi". Anche perché, è il ragionamento di Salvini, sarebbe molto peggio se il governo si trovasse a gestire una situazione esplosiva, con aziende costrette a chiudere:  "Sono e siamo pienamente consapevoli che non sarà facile governare il Paese che avrà tensioni sociali notevoli". 

E secondo Salvini bisogna fare in fretta: "Il prossimo esecutivo? Se entra in carica il 5 novembre, nel frattempo quanti artigiani hanno chiuso?". Il leader della Lega è scettico poi sulla possibilità che l'Ue alla fine si metta d'accordo sul tetto al prezzo del gas. "Ci sono paesi europei che non hanno convenienza perché ci stanno guadagnando", ha spiegato. "In linea di principio è meglio non fare debito, ma se quel debito serve per andare avanti, è sopravvivenza" .

Gli alleati però continuano a fare muro. Per il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi "creare nuovo debito è una misura estrema che dobbiamo fare di tutto per evitare". La pensa allo stesso modo Meloni, che però, sentendosi più volte chiamata in causa sulla necessità di procedere con lo scostamento di bilancio, sbotta: "Da qualche giorno mi sorprendono alcune dichiarazioni di Salvini, e mi sorprende il fatto che a volte sembri più polemico con me che non con gli avversari".

"Ho detto cento volte perché credo che lo scostamento sia una soluzione che va molto ponderata, francamente la polemica non la capisco e la trovo abbastanza pretestuosa – continua non senza irritazione – Spero che siano cose da campagna elettorale, però poi quando uno lo spiega non si dovrebbe insistere". 

123 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni