2.593 CONDIVISIONI
Opinioni
Covid 19
27 Luglio 2021
10:06

Cari “No green pass”, la vostra libertà non è più importante di quella degli altri

Una risposta dopo gli insulti, i calci e gli spintoni della manifestazione di sabato 24 luglio. Per ricordare a chi si batte contro vaccini e green pass, che non esiste libertà personale che sia disgiunta da quella degli altri. E che impedire a un giornalista di fare il proprio lavoro, quello sì, è quel che facevano i dittatori.
A cura di Saverio Tommasi
2.593 CONDIVISIONI
Manifestazione "No green Pass"
Manifestazione "No green Pass"
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Le dittature iniziano picchiando i giornalisti, non con il green pass, l'ha ricordato il mio direttore Francesco Cancellato.

Serve ricordarlo a tutti.
Non che io senta odore di dittatura, ma visto che la richiesta di vaccinarsi contro la più grave pandemia della storia contemporanea viene fatta passare come tale, forse è bene ricordarlo: le dittature non iniziano impedendo a una persona non vaccinata di entrare in una RSA.

Le dittature non iniziano chiedendo alle persone di vaccinarsi per proteggere se stessi e le persone più vulnerabili, penso ad esempio alle persone immunodepresse che davvero non possono vaccinarsi.

 

Le immagini dei campi di concentramento per paragonare il green pass agli ebrei a cui era impedito l'accesso nei negozi ariani, forse sono un tantinello un'assurdità, possiamo dirlo? Anzi urliamolo: rappresentano un utilizzo immondo della Storia.
I bambini usciti dai camini di Auschwitz ed esibiti in foto durante i cortei sono una mancanza di consapevolezza umana, e di conseguenza anche storica. Eppure quelle immagini le abbiamo viste nelle manifestazioni no green pass in tutta Italia: foto con la svastica accanto alla siringa del vaccino, o il passaporto verde.
Foto di bambini denutriti fotografati al momento della liberazione di Auschwitz a significare "siamo come loro perché ci volete impedire di andare al ristorante", tra l'altro al chiuso, perché all'aperto ci potranno comunque andare anche i non vaccinati.

Cari no green pass, nessuno vi vuole rinchiudere, vi vorremmo liberi, ma non di ammalarvi e di contagiare. Siamo una società, nessuno può fare a meno degli altri.
Non esiste libertà personale disgiunta da quella degli altri, ricordatevelo sempre.
Libertà non è l'urlo scomposto in piazza "Libertà Libertà Libertà" e poi tentare di impedire a un giornalista di raccontare quello che sta avvenendo.
Perché è grave impedirgli di fare il suo lavoro, ma è ancora più grave impedire ad altre persone di conoscere e di farsi un'opinione, a questo infatti servono i giornalisti, mica a tagliare nastri o a regalare megafoni a chi che sia. I giornalisti servono a raccontare i fatti, servono a inquadrarli.

E ora un pensiero sul mio cosiddetto "momento peggiore durante la giornata di sabato". Qualcuno me lo ha chiesto, ma ve lo avrei raccontato lo stesso. Per me il momento peggiore è stato vedere la mamma che incitava la bambina, la figlia, di 5 o 6 anni, a urlarmi "scemo". La bambina – impaurita – obbediva. Ed ecco che la mamma allora gridava: "Hai visto che anche i bambini ti dicono che sei scemo?" e poi voleva che la riprendessi, che io riprendessi con la telecamera sua figlia di 5 anni, per mostrare a tutti che "anche i bambini ti dicono che sei scemo".
No, signora. Come ho detto a lei non riprendo una bambina di 5 anni mentre è vittima di un atto violento – perché questo è stato: un atto violentoda parte di sua madre. Questa è stata la scena peggiore che ho vissuto.

Un'ultima considerazione, è breve: ho visto Giorgia Meloni che ieri con un'immagine ha definito folle quella che lei chiama la discriminazione del non poter mangiare in un ristorante al chiuso se non si è vaccinati, paragonata ai "clandestini" che invece arriverebbero qui a frotte passando la frontiera senza documenti, "altro che green pass", il ragionamento meloniano era questo.
Cara Giorgia Meloni, a parte che clandestino non è la parola corretta, si tratta infatti di richiedenti asilo, ma soprattutto: cara Giorgia Meloni, non ti vergogni?
Paragonare chi scappa da torture e stupri (e riesce ad arrivare qui nonostante te e nonostante gli scafisti) a chi non può mangiarsi una parmigiana al chiuso per evitare che diffonda il Covid, davvero ti sembra un paragone possibile?

Ripeto una frase che ho già scritto, mi sembra importante: non esiste libertà personale disgiunta da quella degli altri, ricordiamocelo sempre.

2.593 CONDIVISIONI
Sono giornalista e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Scrivo libri, quando capita. Il più recente è "Siate ribelli. Praticate gentilezza". Ho sposato Fanpage.it, ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Mi nutro di video e respiro. Tutti i miei video li trovate sul canale Youmedia personale.
28422 contenuti su questa storia
Matteo Bassetti contro i no-vax in Tv: "Obbligo vaccinale per mandare carabinieri a casa a prenderli"
Matteo Bassetti contro i no-vax in Tv: "Obbligo vaccinale per mandare carabinieri a casa a prenderli"
Va al ristorante con il green pass di un amico complice, denunciato 43enne di Curno
Va al ristorante con il green pass di un amico complice, denunciato 43enne di Curno
Amiche non vaccinate e morte di Covid, la figlia di Francesca: "Mi vaccinerò"
Amiche non vaccinate e morte di Covid, la figlia di Francesca: "Mi vaccinerò"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni