Il ministro degli Interni uscente Matteo Salvini aveva annunciato battaglia contro i negozi che vendono cannabis light, cioè i prodotti che hanno un contenuto di Thc inferiore allo 0,6 per cento: "Farò la guerra ai negozi di cannabis light. Uno a uno, li chiuderò tutti". Ma come ha raccontato ‘La Stampa' l'ex inquilino del Viminale non è riuscito a portare a termine la sua missione.

Dopo la sentenza della Corte di Cassazione, che a maggio aveva vietato "la vendita o la cessione a qualunque titolo dei prodotti derivati dalla coltivazione della cannabis", ammesso però che venga dimostrata la loro "efficacia drogante", i tribunali di tutta Italia continuano a dar ragione a produttori e commercianti di infiorescenze di quella che viene chiamata ‘erba light', che è al di sotto dei limiti di legge sulla canapa industriale.

Come ha spiegato al quotidiano l'avvocato Lorenzo Simonetti, che insieme al collega Claudio Miglio ha aperto un ‘pronto intervento' per i negozianti che rischiano di vedersi ritirata la licenza, "si è stabilito che senza un effetto psicotropo non c'è una rilevanza penale". Per cui i commercianti da Nord a Sud presentano ricorsi e i giudici danno loro ragione: è accaduto a Padova, Perugia, Caserta Mantova, Genova.

"Le favole di Salvini sono giunte all'epilogo. Spero che il prossimo governo non avrà interesse a montare una campagna ideologica, ma ad affrontare il fenomeno della Cannabis light. Non come un problema, ma come una grande opportunità. Non si può trattare come uno spacciatore chi lavora alla luce del sole, nella legge e paga anche le tasse". Lo ha detto Luca Marola, patron di Easy Joint, pioniere nel mercato della canapa legale in Italia. Un business che nel nostro Paese potrebbe valere 44 milioni di euro l'anno.