1.366 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 3 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 9 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
13 Settembre 2022
17:00

Calenda a Fanpage.it: “Nemmeno Berlusconi e Salvini vogliono governare con Meloni, riportiamo Draghi”

“Non farò mai un accordo politico con la destra di Salvini e Meloni. Ma se ci fosse da sostenere un governo di unità nazionale, ci sarei”: lo dice Carlo Calenda in un’intervista con il direttore di Fanpage.it, Francesco Cancellato a pochi giorni dal voto.
A cura di Annalisa Girardi
1.366 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Silvio Berlusconi e Matteo Salvini in realtà non vogliono governare con Giorgia Meloni. Ne è convinto Carlo Calenda, leader del Terzo polo, che in un'intervista con il direttore di Fanpage.it, Francesco Cancellato, fa il punto sulla situazione politica a pochi giorni dalle elezioni politiche. "Il programma è completamente contraddittorio e per di più loro in Europa siedono come alleati del Pd. Credo che la coalizione di destra, in poche parole, sia totalmente un cartello elettorale, non una coalizione di governo", afferma l'ex ministro. Per poi ribadire che il Terzo polo di Azione e Italia Viva sarà una sorpresa alle elezioni e prenderà oltre il 10% dei voti, risultando così decisivo per gli equilibri della prossima legislatura.

L'obiettivo per Calenda rimane uno: un governo alternativo a quello guidato da Fratelli d'Italia, che riporti Mario Draghi a Palazzo Chigi. Sul suo alleato, Matteo Renzi, invece ammette che permangano ancora molte distanze. Su diversi temi, in primis le relazioni estere come quelle che l'ex presidente del Consiglio mantiene con l'Arabia Saudita, c'è "una differenza di vedute profonda", dice Calenda. E aggiunge: "Abbiamo avuto in questa legislatura fratture gigantesche, a partire dalla scelta di fare il Conte due". Per poi precisare: "C'è un fatto però. Siamo rimasti gli unici due ad avere un'idea sull'agenda Draghi e sulle cose da fare che era completamente coincidente".

Il progetto del Terzo polo però, spiega ancora, va più in là delle elezioni. "Dobbiamo far nascere un'area che non è la semplice fusione di Azione e Italia Viva. Devono entrare altre forze, del mondo liberale, popolare e riformista. I popolari oggi non ci sono più: Forza Italia ha preso una deriva che è totalmente populista e dall'altro i riformisti nel Pd si trovano sempre meno a casa".

Tanti i temi trattati poi nell'intervista, da come affrontare una nuova recrudescenza del virus alla questione energetica, che secondo il leader del Terzo polo non può essere affrontata seriamente senza parlare di nucleare. Infine Calenda conclude affermando che non farà mai un governo politico con la destra di Salvini e Meloni. Tuttavia, se ci fosse da sostenere un governo di unità nazionale, ci starebbe.

1.366 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni