469 CONDIVISIONI
9 Agosto 2021
12:36

Berlusconi favorevole al green pass obbligatorio: “Da imprenditore dico sì, vaccini fondamentali”

Silvio Berlusconi si dice favorevole al green pass obbligatorio: “Da imprenditore dico sì”, afferma spiegando che sostiene pienamente questa misura. Secondo il leader di Forza Italia “i vaccini rappresentano lo strumento fondamentale ed essenziale nella lotta contro il virus”, motivo per cui è giusto ricorrere alla certificazione verde.
A cura di Stefano Rizzuti
469 CONDIVISIONI

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, è favorevole al green pass obbligatorio per accedere ad eventi e luoghi. Intervistato da La Stampa Berlusconi risponde a chi gli chiede se da ristoratore chiederebbe ai suoi clienti di mostrare il green pass: “Ovviamente osserverei le leggi dello Stato, anche se non le condividessi, ma in questo caso le condivido appieno. Del resto non rispettarle sarebbe anche una forma di concorrenza sleale verso i colleghi che operano secondo la legge. Voglio aggiungere però che i ristoratori vanno anche adeguatamente compensati e risarciti, più e meglio di quanto è stato fatto finora. Ho chiesto ai miei ministri di occuparsene”.

L’ex presidente del Consiglio spiega la sua posizione sul tema della certificazione verde obbligatoria: “Più in generale, ovviamente, sono per la persuasione, e per il convincimento rispetto al fatto che i vaccini rappresentano lo strumento fondamentale ed essenziale nella lotta contro il virus. Lo spiegherei ai collaboratori delle aziende che ho fondato, se ancora me ne occupassi e nel caso qualcuno si ostinasse a rifiutare il vaccino cercherei prima di tutto un modo per farlo lavorare non a contatto con gli altri”. “Da imprenditore dico sì” al green pass, è quindi la posizione di Berlusconi.

Il presidente di Forza Italia parla anche delle sue condizioni di salute, che dopo aver contratto il Covid – con tanto di ricovero al San Raffaele di Milano – hanno destato più volte preoccupazioni: “Non c’è alcun motivo di allarme”, garantisce ora l’ex presidente del Consiglio. Che ammette, però, che gli strascichi della malattia non sono ancora spariti: “Gli effetti del cosiddetto ‘long Covid' si fanno ancora sentire in modo severo, danno una stanchezza profonda ed altri effetti collaterali. Ma lentamente ne sto uscendo”.

469 CONDIVISIONI
Mascherine e green pass, dove servono ancora e cosa è cambiato dal primo maggio
Mascherine e green pass, dove servono ancora e cosa è cambiato dal primo maggio
Nuove regole Covid dal 1º maggio, cosa cambia per mascherine al chiuso, Green Pass e vaccini
Nuove regole Covid dal 1º maggio, cosa cambia per mascherine al chiuso, Green Pass e vaccini
Come cambierà il green pass dal primo maggio e dove sarà ancora obbligatorio
Come cambierà il green pass dal primo maggio e dove sarà ancora obbligatorio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni