1.190 CONDIVISIONI
Opinioni
Le consultazioni per il nuovo governo
28 Maggio 2018
13:02

Beppe Grillo: “Ormai il mercato decide al posto degli italiani”

Beppe grillo commenta la crisi di governo: “Sono uscito stamattina e ho visto questa cose avvilente, persone che non parlano e con lo sguardo nel vuoto, come fossero state sostituite da un alieno entrato dentro come nei film di fantascienza. Perché non parla la gente? Perché è avvilita, perché c’è qualcuno o qualcosa che parla al posto di milioni di italiani, che è il mercato. Il mercato oggi è lo pseudonimo del capitalismo più avvilente e di predazione che abbiamo in Italia”.
A cura di Charlotte Matteini
1.190 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Le consultazioni per il nuovo governo

Beppe Grillo rompe il silenzio e con un video pubblicato sulla sua pagina Facebook commenta la crisi istituzionale che sta travolgendo l'Italia dopo la rinuncia all'incarico formalizzata ieri dal professor Giuseppe Conte al Quirinale: "Sono uscito stamattina e ho visto questa cose avvilente, persone che non parlano e con lo sguardo nel vuoto, come fossero state sostituite da un alieno entrato dentro come nei film di fantascienza. Mi è venuto in mente in questo silenzio il film ‘un posto tranquillo' che ho pubblicato ieri sul blog. Perché non parla la gente? Perché è avvilita, perché c'è qualcuno o qualcosa che parla al posto di milioni di italiani, che è il mercato. Il mercato parla con frasi tipo ‘il mercato è ottimista, ha raggiunto il suo equilibrio, il mercato è euforico, il mercato è contento, oggi è salito o sceso", spiega Beppe Grillo, parlando per metafore.

"Allora io questo mercato l'ho chiamato, l'ho sentito e mi ha detto che è avvilito ed è sotto analisi a Bruxelles e che parla perché lui questo silenzio non lo può proprio sopportare e diventa sentimentale, è un po' anche lui avvilito perché devo sopperire a cose che non gli competerebbero. Infatti lui mi ha raccontato con somma nostalgia di quando il mercato era quello vero, quello della frutta e della verdura, di quando il mercato era euforico perché il prezzo delle patate saliva oppure quello delle cipolle lacrimava. Insomma, aveva quel mondo suo che gli è sfuggito e adesso parla come le persone. Il mercato oggi è lo pseudonimo del capitalismo più avvilente e di predazione che abbiamo in Italia. Grazie", conclude il fondatore del Movimento 5 Stelle.

1.190 CONDIVISIONI
Milanese, classe 1987, da sempre appassionata di politica. Il mio morboso interesse per la materia affonda le sue radici nel lontano 1993, in piena Tangentopoli, grazie a (o per colpa di) mio padre, che al posto di farmi vedere i cartoni animati, mi iniziò al magico mondo delle meraviglie costringendomi a seguire estenuanti maratone politiche. Dopo un'adolescenza turbolenta da pasionaria di sinistra, a 19 anni circa ho cominciato a mettere in discussione le mie idee e con il tempo sono diventata una liberale, liberista e libertaria convinta.
Le consultazioni per il nuovo governo
165 contenuti su questa storia
Chi è Giulia Grillo, il nuovo ministro della Salute del governo M5S-Lega
Chi è Giulia Grillo, il nuovo ministro della Salute del governo M5S-Lega
Chi è Lorenzo Fontana, il nuovo ministro della Famiglia e della Disabilità
Chi è Lorenzo Fontana, il nuovo ministro della Famiglia e della Disabilità
Chi è Sergio Costa, il nuovo ministro dell'Ambiente del governo M5s-Lega
Chi è Sergio Costa, il nuovo ministro dell'Ambiente del governo M5s-Lega
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni