416 CONDIVISIONI

Arianna Meloni dice che il governo non sbaglia un colpo

Arianna Meloni, responsabile del tesseramento di FdI e sorella della premier, ha dichiarato che “Il governo sta andando bene, non sbaglia un colpo”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Annalisa Cangemi
416 CONDIVISIONI

Immagine

"Il governo sta andando bene, non sbaglia un colpo". Parola di Arianna Meloni, responsabile nazionale del tesseramento di Fratelli d'Italia, annunciando anche il superamento di 200mila iscrizioni in quindici giorni al partito.

"In tutti questi mesi, quando Giorgia è arrivata, finalmente, al governo dell'Italia, per tante volte in momenti di sconforto, ho cominciato a ricordare come abbiamo fatto ad arrivare fino a quel giorno, quando abbiamo giurato davanti al presidente della Repubblica – ha detto al congresso provinciale del partito a Vietri sul Mare – dico ‘abbiamo' perché in tanti pensano che, dietro a Giorgia, non ci sia nessuno. Beh, non è così e questa sala lo dimostra. Lo abbiamo dimostrato nel lungo cammino che abbiamo fatto. Siamo militanti. Ci sono centinaia di militanti che fanno politica da anni e anni, che sono entrati nei circoli senza nessun interesse personale. E quello che fanno lo fanno perché credono davvero. E questa è la grandissima differenza. Perché sappiamo che la politica è una cosa seria, è una cosa bella. Perché quando hai una visione e la riesci a trasmettere e riesci a dare quello in cui credi, hai fatto la cosa più bella che puoi fare".

"Noi stiamo facendo questo, stiamo risvegliando le coscienze – ha aggiunto la sorella della premierle persone cominciano a sentirsi parte di una nazione, hanno riscoperto il valore di essere un'unica comunità, di ritrovarsi sotto un tricolore, abbiamo fondato un partito a quaranta giorni dal voto. Credo che nessuno avrebbe avuto mai il coraggio di fare una cosa del genere. Io stessa, quando stavamo fondando il partito e mancavano quaranta giorni alle elezioni politiche, ero un po' preoccupata perché ho pensato che forse possiamo, intanto, ritornare e poi magari lavoriamo su un nuovo partito. Mia sorella mi ha guardato e mi ha detto ‘Arianna, se torno in Parlamento, ci torno con i miei voti. Torno con i voti di una comunità perché voglio rimettere in sicurezza la destra italiana e voglio, da lì, rifondare un cammino che sia fatto veramente di valori, di persone che credono in qualcosa di bello'".

"Sicuramente abbiamo smesso di buttare soldi dalla finestra ci siamo messi al lavoro aiutando le imprese, le famiglie, quelli che rimangono indietro – ha detto ancora – non come i governi che abbiamo visto che, pur di andare al governo, si sono accozzati in partiti che si sono insultati fino al giorno prima e poi hanno trovato una quadra. Come si può trovare una quadra se fino al giorno prima ti stai insultando in quel modo? Giorgia e noi tutti non abbiamo mai avuto dubbi. Se dovevamo arrivare al governo, ci dovevamo arrivare con i nostri voti, con le persone che credono davvero in noi. Non solo è successa una cosa bellissima, ma abbiamo cominciato a convincere anche tutti quelli che non ci hanno votato".

Le trasmissioni in televisione sono a suo giudizio "nicchie di persone che si parlano tra di loro", visto che "quando giriamo in mezzo alle strade io non le trovo queste persone, trovo solo persone che ci ringraziano per quello che facciamo".

"Quindi, dobbiamo essere solidi perché stiamo andando bene. Il governo sta andando bene. Giorgia non sbaglia un colpo. Vabbè, lei è un fenomeno, chiaramente non siamo tutti così. Però, siamo bravi anche noi, dai. Ce la dobbiamo mettere tutta, dobbiamo credere in quello che facciamo, anche se provano ad attaccarci in ogni modo, se ci attaccano sul personale, se ogni giorno ci sembra che la salita sia sempre più dura. Però, noi sappiamo che siamo tanti e tante persone credono in noi".

416 CONDIVISIONI
Pier Silvio Berlusconi dice che il governo Meloni sta andando bene e ribadisce: "Non scenderò in campo"
Pier Silvio Berlusconi dice che il governo Meloni sta andando bene e ribadisce: "Non scenderò in campo"
Vittorio Sgarbi si è dimesso da sottosegretario alla Cultura del governo Meloni
Vittorio Sgarbi si è dimesso da sottosegretario alla Cultura del governo Meloni
Ora Sgarbi dice che deve ancora negoziare le sue dimissioni con il governo: "Sarà una lunga agonia"
Ora Sgarbi dice che deve ancora negoziare le sue dimissioni con il governo: "Sarà una lunga agonia"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni