143 CONDIVISIONI
Emergenza immigrazione
14 Ottobre 2019
19:46

Alarm Phone: “Gruppo di migranti in fuga dal campo di Tajoura, nessun soccorso in vista”

Il servizio telefonico di soccorso per i migranti lancia un allarme: “Nel pomeriggio ci ha contattati un gruppo in fuga dal campo di Tajoura, dove piu’ di 50 migranti sono stati uccisi a luglio. Abbiamo informato le autorità in Italia, Malta e nostro malgrado anche in Libia, visto che le autorità europee non intervengono. Urge soccorso immediato”.
A cura di Annalisa Girardi
143 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Emergenza immigrazione

"Nel pomeriggio ci ha contattati un gruppo in fuga dal campo di Tajoura, dove piu' di 50 migranti sono stati uccisi a luglio. Ci dicono: ‘non abbiamo acqua e cibo, alcuni stanno male e le onde sono alte' Nessun soccorso in vista!": a lanciare l'allarme, su Twitter, è Alarm Phone. Il servizio telefonico a disposizione dei migranti in mare poi continua: "Ricevuta la posizione Gps abbiamo informato le autorità in Italia, Malta e nostro malgrado anche in Libia, visto che le autorità europee non intervengono. Purtroppo non ci sono ong Sar nella zona. Sta scendendo la notte: urge soccorso immediato!".

Continuano gli sbarchi a Lampedusa

Nel frattempo continuano gli sbarchi a Lampedusa. Proprio Alarm Phone ieri ha comunicato: "Ieri siamo stati contattati da un parente di persone su una barca partita da Zuwarah Libya, con 20 persone incluse molte famiglie. Non siamo riusciti a contattare la barca ma abbiamo informato la Guardia costiera. Oggi il parente ci ha detto che la barca è arrivata a Lampedusa!". Non è stato l'unico sbarco di domenica: se ne sono infatti contati ben 7. Tutti i migranti soccorsi sono stati trasferiti nel centro di accoglienza dell'isola.

Sempre nella giornata di ieri la nave Ocean Viking di Ong Sos Mediterranee e Medici senza frontiere ha salvato 176 migranti da due diverse imbarcazioni. Un gommone trasportava 74 persone, fra cui 6 bambini, ed è stato raggiunto a largo delle coste libiche: "Esausti dal pericoloso viaggio, sembrano tutti in condizioni stabili", ha scritto Medici senza frontiere su Twitter. Nel secondo gommone erano invece stipate 102 persone, fra cui 12 donne (delle quali 4 incinte) e 9 bambini. Queste persone, ora a bordo della Ocean Viking, necessitano di un porto sicuro.

143 CONDIVISIONI
367 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni