46 CONDIVISIONI

Violenza contro le donne, a Napoli denunce in aumento: “Sono 30 al giorno”

I dati resi noti alla presentazione dei risultati della sperimentazione “Mobile Angel”, che prevede l’assegnazione di uno smartwatch collegato direttamente con le forze dell’ordine alle donne che denunciano e potenzialmente in pericolo, per non lasciarle mai sole.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Napoli Fanpage.it
A cura di Redazione Napoli
46 CONDIVISIONI
Immagine

Sono 105 le donne uccise dall'inizio dell'anno in Italia. Una conta, quella dei femminicidi, aggiornata a oggi con il ritrovamento del corpo di Giulia Cecchettin. Solo a Napoli sono tra le 25 e le 30 le denunce di stalking e violenza di uomini contro le donne che vengono classificate come codice rosso. Sono i numeri resi noti oggi dal procuratore aggiunto della procura partenopea Raffaele Falcone, presentando i risultati del progetto pilota Mobile Angel

Per non lasciare mai sole le donne che denunciano di subire minacce o che hanno denunciato violenza, l'idea è quella di fornirgli uno smartwatch collegato direttamente con le forze dell'ordine. Da marzo scorso a oggi sono stati 12 i dispositivi digitali forniti per anticipare eventi violenti, ma anche come deterrente. In tutto gli apparecchi disponibili per la sperimentazione sono 15.

Falcone, che coordina la Sezione tutela delle fasce deboli della Procura di Napoli, sottolinea come il numero denunce è "in aumento anche grazie alla nuova consapevolezza da parte delle vittime".

Il progetto coinvolge i comandi provinciali di Milano, Napoli e Torino, e terminata queta prima fase potrebbe essere esportato in altre città e potenziato. Mobile Angel è nato dalla collaborazione tra l'Arma dei carabinieri, la Fondazione VodafoneItalia e Soroptimist International club di Napoli, Milano alla Scala, Milano Fondatore e Torino.

Il monitoraggio ha riscontrato "un'accresciuta percezione di sicurezza da parte delle vittime e una funzione deterrente dell’apparato emergenziale verso gli aggressori". In un caso, a Milano, uno stalker è stato immediatamente intercettato mentre si stava avvicinando alla vittima.

46 CONDIVISIONI
Il procuratore Gratteri: "A Napoli problemi di violenza e camorra, ma non è il Sudamerica"
Il procuratore Gratteri: "A Napoli problemi di violenza e camorra, ma non è il Sudamerica"
Turista stuprata a Napoli, il titolare della spritzeria si difende: “Era consenziente”
Turista stuprata a Napoli, il titolare della spritzeria si difende: “Era consenziente”
Napoli, minacce di morte al ministro Carlo Nordio. La scritta nella stazione metro rimossa da Anm
Napoli, minacce di morte al ministro Carlo Nordio. La scritta nella stazione metro rimossa da Anm
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views