19 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Trasporto pubblico a Napoli

“Sui bus si potrà pagare il biglietto con il bancomat” parla il presidente del Consorzio Unico Campania

Il Presidente del Consorzio Unico Campania, Gaetano Ratto, a Fanpage.it: “Il ticket della metro a 1,50 euro? Il servizio sta migliorando, a Roma e Milano costa molto di più”
Intervista a Gaetano Ratto
Presidente del Consorzio Unico Campania
A cura di Pierluigi Frattasi
19 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Trasporto pubblico a Napoli

"Dall'estate 2024 si potrà pagare il biglietto sul bus anche con il bancomat o la carta di credito, tramite il sistema Tap&Go. Avvieremo la sperimentazione nelle località turistiche, come Sorrento e Ischia, ma anche su alcune linee di Napoli, dove al momento il servizio è limitato solo all'Alibus. Il ticket della metro Linea 1 a 1,50 euro? Il servizio sta migliorando e ci saranno costi più alti".

A parlare a Fanpage.it è Gaetano Ratto, presidente del Consorzio Unico Campania, l'azienda che gestisce i titoli di viaggio ed il trasporto integrato dei mezzi pubblici in Campania. Dopo la crisi legata alla pandemia del Covid19, il settore dei trasporti pubblici sta registrando una grossa ripresa, con un aumento consistente del numero di viaggiatori. La Regione Campania ha approvato il nuovo tariffario dei trasporti pubblici 2024, che prevede l'aumento del ticket della metropolitana Linea 1, che passerà da 1,30 a 1,50 euro, venendo equiparato a Linea 2 e linee Eav.

Foto Fanpage.it
Foto Fanpage.it

Presidente, quali sono gli ultimi dati sui trasporti?

Per il 2023 abbiamo avuto un aumento degli introiti in Campania di circa il 24%, rispetto al 2022, per un totale di circa 150 milioni di euro, con oltre 750mila passeggeri trasportati al giorno. Gli introiti dal traffico hanno avuto un incremento significativo rispetto al 2019 che è l'anno di rifermento prima del Covid.

Quando partiranno le nuove tariffe?

A maggio 2024 partiranno il biglietto da 1,50 euro sulla metro Linea 1 e il ticket da 7 giorni e quello di nuova introduzione da 3 giorni. Quest'ultimo è integrato e consente di viaggiare su tutti i mezzi pubblici di varie aziende. Mentre per il carnet da 10 giorni ci vorrà più tempo, in quanto la gestione tecnica di validazione e utilizzo è più complicata da parte delle aziende, ma contiamo di attivarlo entro l'anno. È una buona iniziativa, che esiste in altre città e troverà grande apprezzamento anche perché porta un vantaggio economico agli utenti. Noi l'abbiamo proposto con questo spirito.

Foto Fanpage.it
Foto Fanpage.it

Cosa risponde ai cittadini che si lamentano di nuovi aumenti?

Da cittadino, capisco che quando si prospetta un aumento dei costi ci possano essere delle critiche. Ma obiettivamente da utenti della metro, tutti ci stiamo accorgendo che sta cambiando qualcosa. Si stanno facendo grossi investimenti. La frequenza dei treni è migliorata. Entrerà in funzione la metro Linea 6, saranno aperte nuove stazioni Linea 1 che arriverà a Capodichino. Arriverà la metro linea 10. Immaginare che ci sia un servizio che ha un costo di 1,50 piuttosto di 1,30 euro, a fronte di tutto questo, è in linea con il miglioramento della qualità del servizio che dovrà ulteriormente migliorare. Peraltro, il ticket della metro Linea 1 viene equiparato a quello della metro Linea 2 e delle linee Eav che è già di 1,50 euro.Mentre il biglietto integrato non cambia, resta 1,80 euro. Il ticket per i bus e le funicolari resta a 1,30 euro. Poi non dimentichiamo che in Campania abbiamo un grosso vantaggio che è il biglietto integrato, che consente di spostarsi per 90 minuti su più mezzi, al costo di un solo biglietto invece di due, con solo 1,80 euro. Mentre due biglietti costerebbero 3 euro.

Ma il prezzo dei biglietti oggi a Napoli è adeguato?

Attualmente non siamo in linea con Roma e Milano, dove si paga di più. Per non parlare delle capitali europee dove ci sono servizi eccellenti ma il biglietto costa il triplo di Napoli. Il capoluogo partenopeo sta facendo grossi passi avanti. Siamo in un periodo di transizione dove gli aumenti sono simbolici, seppur sofferti. Ma il servizio dovrà migliorare ancora e a fronte di questo ci saranno costi più alti.

A Pasqua, con il pienone in città, c'è chi si è lamentato della difficoltà di trovare i biglietti nelle rivendite. Che ne pensa?

È una polemica sterile che non condivido, primo perché oggi la rete di emettitrici è stata potenziata e poi anche perché oggi è tutto dematerializzato. I biglietti si possono comprare tranquillamente online. Le aziende hanno in tempo reale i flussi dei viaggiatori e sanno quali sono le linee più frequentate e questo migliora anche la gestione dei controllori. Non c'è alcun problema di approvvigionamento. I dati parlano chiaro. Nella vendita dei titoli di viaggio solo il 37% sono biglietti cartacei magnetici. Oggi ci sono tante modalità per accedere al Tpl. Ticket digitali, App, compresa quella ufficiale di Unico Campania, che è rodata e collaudata, card, Emv cioè Tap&Go con carta di credito o bancomat.

Senza costi aggiuntivi?

No, mai. È vietato. Non ci sono costi aggiuntivi. Quando si passa il bancomat sul lettore viene stornata una cifra in fase di pre-autorizzazione al momento dell'accesso. Ma l'addebito definitivo è sempre per il valore nominale del biglietto utilizzato.

Ci sarà il biglietto per l'ascensore di Monte Echia?

Siamo in contatto con Comune e Anm, ci saranno dei periodi transitori. Abbiamo raccolto una volontà di associare l'emissione del ticket al tpl. Siamo pronti a consentire il collegamento con ticket sia digitale che magnetico. Ma non c'è ancora una definizione precisa della tariffa. Le tariffe saranno definite in questi giorni.

Immagine
19 CONDIVISIONI
Trasporto pubblico a Napoli
949 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views