228 CONDIVISIONI

Sant’Agnello Abate il 14 dicembre. La storia di ‘Aniello’ il santo dei proverbi che protegge Napoli

Sant’Agnello protettore delle donne gravide è uno dei 52 protettori di Napoli e si festeggia il 14 dicembre. Il santo con lo stendardo è particolarmente presente nei proverbi in dialetto partenopeo. Storica la diatriba con la città di Lucca sulla vera tomba dell’abate morto nel 596 d.C.
A cura di Redazione Napoli
228 CONDIVISIONI

La tradizione linguistica napoletana è ricca di proverbi sui santi in particolare su Sant’Agnello abate. È comune sentire le espressioni come A Sant’Aniello ‘a jurnata fa’ ‘nu passo ‘e pecuriello! (A Sant’Aniello il giorno si allunga) oppure Zite ‘e murticielle va truvanno ‘o parrucchiano ‘e Sant’Aniello (ogni occasione è propizia per andare a casa degli altri) o ancora A sant’Aniello nun tucca’ ne forbice e ne curtiello (nel giorno di Sant'Agnello non toccare né forbici né coltelli).

Al di là dell'aspetto linguistico, Sant'Agnello è molto caro alla storia napoletana. Egli nacque nella città partenopea al tempo dell'imperatore Maurizio, probabilmente nel 535 d. C. e qui morì il 14 dicembre del 596 d. C.. É conosciuto come il protettore delle partorienti essendo nato miracolosamente da una donna anziana. Sono tante le dicerie e le superstizioni che legano le donne incinte al santo napoletano.

Fu un monaco basiliano e successivamente sposò la regola di S'Agostino. Sant'Agnello fu molto amato dai napoletani e secondo la tradizione è sepolto nell'omonima chiesa a Caponapoli, anche se altre fonti sostengono che sia stato sepolto nella cattedrale di Lucca, dove pure è molto sentito il culto del santo. Durante il periodo in cui egli visse a Napoli, i napoletani si affidarono alla sua protezione per chiedere di liberare la città durante la battaglia tra i bizantini e Goti Longobardi. Si racconta che nell’anno 821 la città partenopea fu messa  sotto l’assedio dal longobardo Sicone, che non riuscì a espugnarla, grazie all’intervento del santo che insieme all’arcangelo Michele apparve sugli spalti delle mura terrorizzando i nemici.

È in virtù di questo episodio che Agnello viene raffigurato con lo stendardo in mano, entrando così tra i 52 protettori. La città di Napoli conservata con certezza nel busto reliquiario settecentesco posto nella cappella del tesoro di San Gennaro, la mandibola e parte della gola di Sant'Agnello. Secondo il calendario Sant'Agnello abate si festeggia il 14 dicembre.

228 CONDIVISIONI
Storia di Madre Flora, venerata nella Casa del Volto Santo ai Ponti Rossi
Storia di Madre Flora, venerata nella Casa del Volto Santo ai Ponti Rossi
'O cippo 'e Sant'Antuono il 17 gennaio: origine del rito ed eventi in Campania
'O cippo 'e Sant'Antuono il 17 gennaio: origine del rito ed eventi in Campania
31 dicembre, caldo insolito: a Napoli le persone fanno il bagno
31 dicembre, caldo insolito: a Napoli le persone fanno il bagno
1.886 di Viral News
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni