Il sangue di San Gennaro si è sciolto nel pomeriggio di domenica 2 maggio. Il Santo ha fatto attendere i fedeli, lasciandoli con il fiato sospeso: poi finalmente, alle ore 17.15 è avvenuto il miracolo, al terzo tentativo. A darne notizia a Napoli Don Doriano, che ha pubblicato su Facebook la foto della sacra ampolla con il sangue del santo liquefatto: "Il prodigio della liquefazione del sangue è avvenuto!". E i napoletani che si sono affidati a lui hanno tirato un sospiro di sollievo. "C'era un grosso grumo al centro della teca – spiega il sacerdote – ma improvvisamente il sangue ha iniziato a sciogliersi…Viva San Gennaro!!!". Per i napoletani, molto legati a questa tradizione, il fatto che il sangue non si sciolga è presagio di sventura. Tantissimi i messaggi dei fedeli, che suoi social network hanno commentato con entusiasmo il miracolo avvenuto e hanno dedicato una preghiera al santo, per chiedergli protezione e la liberazione dalla pandemia. Chi lo desidera può recarsi al Duomo a venerare le reliquie fino a domenica prossima 9 maggio dalle ore 9 alle 12.30 e dalle ore 16.30 alle 18.30.

Il sangue di San Gennaro si è sciolto al terzo tentativo

Napoli nelle scorse ore era in attesa per la mancata liquefazione del sangue di San Gennaro, che stamattina non si è sciolto, destando preoccupazione. Si respirava un clima quasi sospeso in città, di religiosa attesa. Al secondo tentativo infatti l'ampolla era rimasta intatta. Niente miracolo alla messa delle ore 9 al Duomo. In quel frangente l'arcivescovo di Napoli Mimmo Battaglia ha esortato comunque i fedeli a non essere negativi e di continuare a pregare: “Non cedete alla brama di leggere buoni o cattivi auspici in questo evento” ha detto, quando l'ampolla conentente il sangue del santo patrono di Napoli era rimasta integra per la seconda volta. Il Covid ha annullato anche questa volta la tradizionale processione di San Gennaro che avrebbe dovuto celebrarsi nella serata di ieri, sabato primo maggio. Proprio ieri il primo tentativo, non riuscito, della liquefazione del sangue. Non è la prima volta che accade: che non si sciogliesse subito era già successo il 16 dicembre del 2020 e allora non si ripeteva il miracolo da maggio.