275 CONDIVISIONI
Opinioni
Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta)
29 Giugno 2021
20:18

Salvini, Meloni e Cgil, prima di difendere i secondini del carcere di Santa Maria guardate cosa hanno fatto

Matteo Salvini Giorgia Meloni, la funzione pubblica CGIL, si sono immediatamente schierate a favore della polizia penitenziaria, senza nemmeno aver atteso i primi elementi un poderoso, drammatico, incredibile, atto di accusa della procura di Santa Maria Capua Vetere contro gli agenti del carcere, accusati di aver pestato più e più volte i detenuti. Le immagini emerse dagli atti giudiziari hanno la violenza di una colpa: chi è oggi Caino? Chi sarebbe dovuto essere Abele?
A cura di Ciro Pellegrino
275 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta)

Matteo Salvini, Giorgia Meloni, la Funzione pubblica CGIL. Due leader di partito e il principale sindacato Italiano si sono letteralmente precipitati ad esprimere solidarietà incondizionata al corpo di Polizia penitenziaria poche ore dopo la Maxi inchiesta della procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) che ha mostrato atroci violenze subite dai detenuti all'interno del carcere locale durante il periodo delle proteste sul fronte Covid.

Salvini ha annunciato che giovedì sarà a Santa Maria davanti al carcere per il solito show; Meloni ha dichiarato e ridichiarato la propria fiducia agli agenti, CGIL ha addirittura parlato di gogna mediatica.

Sindacato e partiti di destra non hanno letto un solo rigo della corposa ordinanza, del poderoso atto di accusa ricco di immagini, testimonianze, video, audio, con cui si mostra un fatto che difficilmente potrà essere messo in discussione: detenuti ovvero uomini affidati allo Stato per scontare una pena come prevede lo stato di diritto, sono stati gestiti in maniera disumana.

I filmati delle videocamere di sorveglianza all'interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere sono qualcosa per cui lo Stato, se pretende di essere ancora uno stato di diritto dovrebbe chiedere scusa a prescindere dalla vicenda giudiziaria.

Il ministro di Giustizia, il ministro dell'Interno, il capo del DAP il dipartimento di amministrazione penitenziaria, il corpo di Polizia penitenziaria, non hanno fatto il loro dovere a Santa Maria Capua Vetere. Quelle immagini sono d'una violenza che suona già come colpa. Matteo Salvini anziché andare a fare la passerella davanti a un luogo di sofferenza e di pena, giovedì dovrebbe restare a casa. Così come la CGIL dovrebbe rivedere le sue improvvise dichiarazioni. Chi è oggi Caino? Chi sarebbe dovuto essere Abele?

275 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Violenze a Santa Maria, inchiesta chiusa: 120 indagati, tra accuse tortura e omicidio colposo
Violenze a Santa Maria, inchiesta chiusa: 120 indagati, tra accuse tortura e omicidio colposo
Carceri, revoca dell'incarico per la direttrice di Santa Maria Capua Vetere
Carceri, revoca dell'incarico per la direttrice di Santa Maria Capua Vetere
"Nel carcere di Santa Maria Capua Vetere violenza a freddo",  dice la ministra di Giustizia Cartabia
"Nel carcere di Santa Maria Capua Vetere violenza a freddo", dice la ministra di Giustizia Cartabia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni