294 CONDIVISIONI
31 Agosto 2021
15:17

Rifiuti di Roma a Napoli, il sindaco di Giugliano contro De Magistris: “Impugneremo la delibera”

Il sindaco di Giugliano in Campania, Nicola Pirozzi, a Fanpage.it: “I rifiuti di Roma nella provincia di Napoli? Un atto scellerato da parte di De Magistris, perché non concordato minimamente con le comunità locali. Assurdo portare rifiuti in territori già al collasso. Impugneremo la delibera della Città Metropolitana. Qui abbiamo bisogno dell’Esercito contro i roghi tossici, non di altri rifiuti”.
Intervista a Nicola Pirozzi
Sindaco di Giugliano in Campania
A cura di Pierluigi Frattasi
294 CONDIVISIONI

“I rifiuti di Roma nella provincia di Napoli? Un atto scellerato da parte di De Magistris, perché non concordato minimamente con le comunità locali. Assurdo portare rifiuti in territori già al collasso. Impugneremo la delibera della Città Metropolitana”. Non ha dubbi Nicola Pirozzi, sindaco di Giugliano in Campania, uno dei comuni più popolosi della provincia di Napoli e dell’intera regione, che si trova all'interno della cosiddetta Terra dei Fuochi, con discariche abusive a cielo aperto e roghi tossici. Fenomeni contro i quali l’amministrazione Pirozzi combatte ogni giorno.

La scelta del sindaco Metropolitano Luigi De Magistris di dare una mano a Roma, alle prese con una profonda emergenza dei rifiuti, portando in provincia di Napoli 150 tonnellate di rifiuti dalla Capitale ogni giorno, fino a dicembre, ha scatenato la vibrata reazione dei sindaci dei Comuni a nord del capoluogo campano, in piena Terra dei Fuochi, come Caivano, Quarto, Cardito, Tufino, Crispano, Frattamaggiore e Frattaminore, Calvizzano, Qualiano e Villaricca. “Alle ore 17 di oggi – spiega Pirozzi – terremo una conferenza stampa al Comune di Giugliano con gli altri sindaci dei Comuni a Nord di Napoli, che ringrazio per la solidarietà e per aver aderito a una mobilitazione contro una scelta che non ha nulla di logico per le condizioni in cui versa il territorio”.

De Magistris ha teso una mano a Virginia Raggi per l’emergenza rifiuti di Roma, perché non siete d’accordo?

De Magistris non può disporre del destino delle comunità locali sul tema dei rifiuti, utilizzando territori che sono già stata violentati dalle emergenze rifiuti. Tufino, Caivano e Giugliano sono territori devastati e saccheggiati negli anni da una politica scellerata, dopo tante promesse di bonifiche mai arrivate e impegni disattesi. Spero proprio che non si vogliano scaricare qui altri rifiuti per poi abbandonarci, perché abbiamo le tasche piene di una politica che non riesce a risolvere i problemi e che lavora perennemente in emergenza e attua scelte senza valutare la capacità dei territori di ospitare altri rifiuti.

Qual è oggi la situazione dei rifiuti a Giugliano?

Qui non ci sono solo gli impianti e le piramidi di balle che arrivano da lontano, ma anche i roghi tossici nei campi rom. Siamo in piena emergenza ambientale e stiamo chiedendo alla Prefettura e al governo nazionale di prendere coscienza del dramma che stiamo vivendo. Qui abbiamo bisogno dell’Esercito per fermare i roghi tossici quotidiani. Siamo costretti a vivere rinchiusi in casa la sera perché ci sono enormi nubi nere che invadono i nostri comuni. Questa è la situazione. Come può de Magistris in queste condizioni tendere la mano a Roma? Per carità, è giusto creare una rete di solidarietà quando un Comune è in emergenza, ma bisogna fare scelte sostenibili.

Ha sentito de Magistris dopo le sue dichiarazioni?

Ho provato a contattarlo, ma non mi ha risposto. Forse perché sa di aver preso impegni che vanno contro i territori?

Ha letto la delibera?

Ufficialmente non sappiamo niente. Non ci è arrivato uno straccio di atto. La stiamo cercando e siamo pronti a impugnarla in sede giudiziaria. Abbiamo già dato mandato ad un legale. E andremo fino in fondo, controlleremo ogni camion di rifiuti che dovesse arrivare da fuori regione, se sarà necessario.

Quali sono i rapporti invece con la Regione Campania, guidata dal governatore De Luca?

Con la Regione c’è una azione di confronto. Noi siamo contrari a quella logica che possa portare nuovi rifiuti e impianti sui territori. Ma la precedente amministrazione ha programmato nuovi impianti che si stanno costruendo a Giugliano.

Lei è stato anche consigliere metropolitano del Pd con De Magistris sindaco metropolitano, qual è il bilancio di questi anni?

Abbiamo collaborato fino a quando sono stato consigliere metropolitano. E in quel periodo io sono riuscito ad impedire che a Giugliano arrivassero altri rifiuti. Poi il consiglio comunale a Giugliano è stato sciolto e sono uscito dalla Città Metropolitana. Questa sua ultima decisione in solitaria è una mancanza di rispetto per i comuni della provincia.

294 CONDIVISIONI
I rifiuti di Roma non andranno più a Napoli: non c'è l'accordo tra le due società di igiene
I rifiuti di Roma non andranno più a Napoli: non c'è l'accordo tra le due società di igiene
De Magistris avrà 78mila euro di liquidazione per i 10 anni da sindaco di Napoli
De Magistris avrà 78mila euro di liquidazione per i 10 anni da sindaco di Napoli
Manfredi e De Magistris, passaggio di consegne al Comune. Il neo-sindaco: "Finita la propaganda"
Manfredi e De Magistris, passaggio di consegne al Comune. Il neo-sindaco: "Finita la propaganda"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni