21 Ottobre 2021
16:16

Pugni al calciatore avversario, Daspo al custode dello stadio e ad un tifoso della Casertana

L’episodio durante la gara di Serie D tra Casertana e Casarano: la società di casa era stata già multata e sanzionata con una diffida, l’uomo è stato identificato e punito con il Daspo di 7 anni dal Questore di Caserta nelle scorse ore. Sanzionato anche un tifoso dei falchetti che era entrato in campo a fine gara, minacciando a sua volta i giocatori avversari.
A cura di Giuseppe Cozzolino
Lo Stadio Alberto Pinto di Caserta. [Immagine di repertorio]
Lo Stadio Alberto Pinto di Caserta. [Immagine di repertorio]

Due Daspo di 7 e 5 anni per il custode dello stadio Alberto Pinto di Caserta e per un tifoso della Casertana: li ha emessi la Questura nella giornata di oggi, a seguito della mini-rissa scatenatasi al termine della gara tra i falchetti padroni di casa e gli ospiti leccesi del Casarano. La gara, valida per il campionato di Serie D e giocatasi lo scorso 10 ottobre, era terminata con la vittoria per 1-0 dei padroni di casa, con un rigore contestato dagli ospiti.

Ma a fine gara, per un diverbio nato per un pallone di riserva, il custode del campo e dipendente comunale si è avvicinato alla panchina del Casarano colpendo con un pugno alla mascella un calciatore avversario. Quasi contemporaneamente, un tifoso di casa a sua volta ha scavalcato un cancello che divideva la tribuna inferiore dal campo, ed ha provato a raggiungere i giocatori ospiti. Fortunatamente, la Digos ha evitato che altri potessero seguirlo e lo hanno bloccato, riportandolo in tribuna. Anche il custode del campo, nel frattempo, era stato bloccato a sua volta dagli agenti di polizia ed identificato. Non si sono registrati fortunatamente altri incidenti a parte quelli causati dai due casertani.

Il Giudice Sportivo aveva già sanzionato la società di casa con duemila euro di multa ed una diffida proprio per questi fatti accaduti a fine partita, ma in queste ore è arrivata anche la decisione del Questore di Caserta, che ha punito rispettivamente con un Daspo di 7 anni il custode del campo, che aveva colpito il calciatore del Casarano con un pugno alla mascella, e con un Daspo di 5 anni il tifoso che aveva scavalcato la recinzione per entrare in campo e minacciare a sua volta la formazione leccese.

Museo Maradona, lettere e poesie dei tifosi per Diego ancora in scatola nei sotterranei dello Stadio
Museo Maradona, lettere e poesie dei tifosi per Diego ancora in scatola nei sotterranei dello Stadio
Crollo palazzina nel Casertano, trovato il cadavere dell'anziano disperso
Crollo palazzina nel Casertano, trovato il cadavere dell'anziano disperso
Carlo non è morto in un incidente: fu inseguito e speronato dopo un litigio con un automobilista
Carlo non è morto in un incidente: fu inseguito e speronato dopo un litigio con un automobilista
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni