3.278 CONDIVISIONI
14 Luglio 2021
11:43

Picchiati dalla folla a Scampia perché accusati di abusi sui figli. Era vero: la polizia conferma le accuse

Lo scorso 15 maggio, una coppia di coniugi fu barbaramente aggredita da numerosi abitanti del loro quartiere, Scampia, a Napoli, in quanto accusata di maltrattare e di abusare dei figli minori. Dopo indagini la polizia ha scoperto che le voci di violenze sui piccoli erano vere: la coppia è finita in manette.
A cura di Redazione Napoli
3.278 CONDIVISIONI

La violenza di gruppo, il pestaggio cieco fu sbagliato, fuori da ogni vivere civile e da ogni idea di giustizia. Ma le accuse che la folla inferocita di Scampia muovevano contro un uomo e una donna erano vere: davvero maltrattavano e abusavano dei figli minorenni, così come vox populi voleva. Questi i fatti: scorso 15 maggio, una coppia di coniugi fu aggredita da numerosi abitanti del loro quartiere, Scampia, in viale della Resistenza, in quanto accusata di maltrattare e di abusare dei figli minori (i medici esclusero abusi di tipo sessuale).

Il giorno successivo lo zio (sul cui conto allo stato attuale non risultano accuse né provvedimenti giudiziari)  fu aggredito, pestato e addirittura gettato in un cassonetto dei rifiuti. La polizia intervenne prima che il pestaggio si potesse trasformare in tragedia. Ma poi avviò delle indagini. E la giustizia, quella vera, che si basa sul Codice penale e non sulla legge del taglione, ha avuto il suo seguito.

Cosa è successo, quindi? Dopo visite mediche, interrogatori e le classiche indagini sul territorio, il personale della Squadra Mobile e del Commissariato Scampia, su delega della Procura della Repubblica di Napoli, IV Sezione violenza di genere e tutela delle fasce deboli della popolazione, ha dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione della misura cautelare personale, nei confronti dei coniugi. Ovvero i due sono in guai seri.

Fratture sui corpi dei bambini

Marito e moglie sono al momento ritenuti gravemente indiziati di «maltrattamenti aggravati commessi in danno dei tre figli minori». Parliamo di vessazioni fisiche, botte che in alcuni casi hanno determinato anche fratture sui fragili corpi dei ragazzini.

Secondo le indagini i due avrebbero inflitto ai minori sofferenze di natura fisica e psichica. I due indagati, resisi irreperibili, sono stati rintracciati a Salerno il 13 luglio scorso e sottoposti all'ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai figli minori.

3.278 CONDIVISIONI
Donna di 75 anni ridotta in stato semi-vegetativo dal compagno 37enne
Donna di 75 anni ridotta in stato semi-vegetativo dal compagno 37enne
Scippo al corso Vittorio Emanuele, passante fotografa i criminali e li fa arrestare
Scippo al corso Vittorio Emanuele, passante fotografa i criminali e li fa arrestare
Jogging notturno sull'Asse Mediano a Napoli per TikTok, denunciati tre ragazzi
Jogging notturno sull'Asse Mediano a Napoli per TikTok, denunciati tre ragazzi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni