37 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Perché è stato chiuso il mercato di Soccavo: “Rischi igienico-sanitari”. Piano per trasferirlo a Secondigliano

Il mercato alimentare di via Nerva chiuso nell’attesa dei lavori di adeguamento. Il Comune pensa di spostare i commercianti al mercato di Secondigliano.
A cura di Pierluigi Frattasi
37 CONDIVISIONI
Immagine

Il mercato alimentare di via Nerva a Soccavo è stato chiuso da mercoledì scorso dal Comune di Napoli su richiesta dell'Asl Napoli 1 Centro. Ma qual è il motivo di questa decisione? La "sospensione dell’attività mercatale con riguardo ai prodotti alimentari", scrive il Comune nel dispositivo, si è resa necessaria per "scongiurare pericoli di contaminazione e pericoli igienico-sanitari per gli operatori e per l’utenza". Sono sette i posteggi mercatali di alimentari interessati. All'interno del mercato si trova anche la famosa pescheria "I Diamanti del Mare", che non ha interrotto la propria attività di vendita, ma si è semplicemente spostata all'esterno, poco più avanti. Resta, invece, aperta l'area mercatale per i prodotti non alimentari. Il mercato alimentare sarà riaperto subito dopo i lavori di adeguamento necessari. Tra le ipotesi in campo da parte del Comune di Napoli, c'è quella di trasferire temporaneamente i commercianti che vendono alimenti al mercato di Secondigliano, in via Montesomma.

Le prescrizioni dell'Asl e i lavori

I motivi della chiusura sono legati al mancato rispetto delle prescrizioni dell'Asl Napoli 1, che il 22 gennaio scorso aveva diffidato la Municipalità a fare dei lavori di adeguamento dell'area mercatale, dopo aver rilevato alcune criticità. Nel corso del sopralluogo, condotto congiuntamente con la Polizia Locale di Soccavo, sono state “constatate le scarse condizioni igieniche in cui versa l’area mercatale", come si legge nel provvedimento:

  • a) gli spazi pavimentati, utilizzati dagli operatori del settore ittico, sono tenuti in condizioni strutturali ed igieniche non soddisfacenti, con superfici ed attrezzate ormai non facilmente lavabili;
  • b) non è chiaramente rilevabile come gli operatori del settore ittico garantiscano il rispetto della catena del freddo dei prodotti commercializzati;
  • c) l’area utilizzata dalla ditta “I diamanti del Mare” è ricoperta da asfalto, in più parti con soluzioni di continuo e buche, che non facilita il lavaggio ed il deflusso dell’acqua derivante dal lavaggio dei prodotti ittici e/o della fusione del ghiaccio utilizzato per la conservazione degli stessi che tende a ristagnare;
  • d) mancano servizi igienici dedicati agli operatori del settore alimentare;
  • e) i servizi igienici disponibili sono in pessime condizioni igieniche;
  • f) nell’area esterna ai servizi igienici sono abbandonati rifiuti di ogni genere

Negli scorsi giorni, anche i tecnici della NapoliServizi hanno condotto diverse ispezioni nel mercato di via Nerva, rilevando il persistere di varie criticità di tipo igienico-sanitario. Il 16 febbraio il Dipartimento di Prevenzione dell'Asl ha preso atto che "non risultavano ottemperate le prescrizioni imposte a seguito del sopralluogo effettuato il 22 gennaio 2024 e che non risultavano attività in essere per la risoluzione delle stesse, stante il permanere della mancanza dei requisiti di igiene previsti dalla normativa vigente per la commercializzazione di alimenti su aree pubbliche".

Per questo ha chiesto al Servizio Mercati di Comune di Napoli di "disporre la sospensione ad horas della commercializzazione di alimenti nell’area mercatale di Via Nerva e di disporre la necessaria vigilanza per l’osservanza della disposizione, al fine di evitare che fossero commercializzati alimenti in maniera illecita". Ha poi comunicato al Suap, lo sportello Unico per le Attività Produttive, "la sospensione della registrazione ai sensi del Regolamento CE n. 852/2004 per la commercializzazione di alimenti nell’area mercatale, fino a ripristino dei requisiti di igiene".

"Il mercato alimentare di Soccavo spostato a Secondigliano"

I commercianti del mercato si sono già resi disponibili a fare i lavori in proprio. Il Comune, intanto, per alleviare i disagi per i mercatali, sta valutando di spostare temporaneamente gli operatori negli stalli liberi nel mercato di via Montesomma, a Secondigliano. Una eventualità, ha chiarito l'amministrazione, che dovrebbe, ad ogni modo, "essere successivamente concordata con la competente Municipalità 7 e con il competente nucleo di Polizia Locale, ai fini delle più idonee modalità di provvisoria sistemazione e che, ove non sia percorribile tale ipotesi, lo scrivente e la competente Municipalità 9 vaglieranno altre alternative possibili".

37 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views