L'uomo scortato dai carabinieri ai quali si era presentato dopo l'omicidio della moglie.
in foto: L’uomo scortato dai carabinieri ai quali si era presentato dopo l’omicidio della moglie.

Ha confessato di aver ucciso la moglie poche ore prima Pinotto Iacomino, il 43enne originario del Napoletano che si è presentato nella caserma dei carabinieri di Montegabbione, in provincia di Terni, dopo aver viaggiato di notte dal capoluogo campano e fermandosi solo in Umbria. Lei, Ornella Pinto, 39 anni, lottava intanto tra la vita e la morte all'ospedale Cardarelli di Napoli, dove i medici hanno tentato di fare il possibile per salvarla, ma senza riuscirci: troppo gravi le coltellate che le hanno trafitto i polmoni, Ornella si è spenta questa mattina mentre il marito si presentava ai carabinieri ternani.

L'uomo scortato dai carabinieri ai quali si era presentato dopo l'omicidio della moglie.
in foto: L’uomo scortato dai carabinieri ai quali si era presentato dopo l’omicidio della moglie.

L'uomo si è presentato poco dopo le 7 di questa mattina, bussando al portone della stazione di Montegabbione, in provina di Terni, con mani e vestiti sporchi di sangue, ancora sconvolto per quanto accaduto, e dichiarando subito al comandante che gli stava aprendo di aver da poco ucciso la moglie. Sul posto, compresa la gravità della vicenda, sono giunti anche i colleghi del nucleo investigativo di Terni e del comando di Orvieto: l'uomo è stato poi interrogato alla presenza del proprio avvocato, confermando la propria versione e confessando dunque l'omicidio della moglie dalla quale, spiegano i carabinieri, era separato da un anno.

Ornella Pinto, la vittima del femminicidio dell'Arenaccia.
in foto: Ornella Pinto, la vittima del femminicidio dell’Arenaccia.

Proseguono intanto le indagini coordinata dal Procuratore Capo di Terni Alberto Liguori, affiancato dai carabinieri della provincia ternana e dagli agenti della Squadra Mobile di Napoli che avevano già aperto a loro volta un fascicolo per uxoricidio. Nel pomeriggio è arrivata anche la convalida del fermo da parte del pm di turno, e così per Pinotto Iacomino si sono aperte le porte del carcere di Terni, dove resterà a disposizione dell'autorità giudiziaria. L'omicidio è avvenuto la scorsa notte, a cavallo tra venerdì e sabato: Ornella Pinto, che a maggio avrebbe compiuto 40 anni, è stata trafitta con 12 coltellate all'interno della loro abitazione di via Cavolino all'Arenaccia, nel cuore di Napoli. La donna, deceduta poco dopo le 10 di questa mattina, lascia un figlio di 4 anni