191 CONDIVISIONI
18 Giugno 2022
14:08

Napoli, ruba furgone e investe tre persone tra Cercola e Volla: il furto in un video

Un video riprende Francesco De Luca, accusato di avere investito tre persone tra Cercola e Volla, mentre ruba il furgone con cui ha seminato il terrore nel Napoletano.
A cura di Nico Falco
191 CONDIVISIONI

Un Doblò lasciato aperto davanti a una pizzeria, un ragazzotto vestito di nero che si guarda intorno, si alza la mascherina sul viso, si infila nell'abitacolo e parte di corsa. Comincia così la giornata di terrore di ieri nel Napoletano, dove tre persone sono state investite volontariamente da un furgone. Perché quello che si vede nel video, ripreso da una telecamera, è Francesco De Luca, 29 anni, che ieri pomeriggio si è presentato dai carabinieri di Volla insieme alla madre; in serata è scattato il fermo: omicidio, tentato omicidio e furto. Delle tre vittime, una è deceduta, le altre due sono ancora ricoverate in ospedale.

Furgone investe 3 persone e scappa tra Cercola e Volla

Ma andiamo per gradi, per ricostruire questa vicenda che resta ancora un grosso punto interrogativo: non è chiaro perché il giovane abbia intenzionalmente investito tre persone, causando la morte di una di loro, il 73enne Luigi Guadagno. Dopo aver rubato il furgone in via Lufrano, a Volla, De Luca si dilegua. L'allarme scatta intorno alle 11:30 di ieri mattina, 17 giugno, quando alla centrale operativa del 118 dell'Asl Napoli 3 arriva una richiesta di soccorso: una donna di 47 anni, Luisa Esposito, è stata travolta da un furgone in viale del Progresso, a Cercola.

Sembra un intervento di routine, ma pochi istanti dopo arriva una seconda chiamata: un 73enne, Luigi Guadagno, è stato travolto lungo la stessa strada da un veicolo che corrisponde a quello del primo incidente. E, dopo qualche altro minuto ancora, la terza emergenza: a Volla, in via Verdi, è stata investita una 42enne, Loredana Di Stadio. E anche in questo caso i testimoni raccontano la stessa, terribile versione: un furgone bianco, un uomo alla guida, un investimento volontario.

Il primo investimento è stato ripreso da una telecamera: si vede il veicolo che arriva vicino alla donna e sterza bruscamente, la travolge, torna in strada e scappa. Dinamica che sembra confermare il racconto dei testimoni degli altri episodi: non si è trattato di un incidente, quell'uomo alla guida ha volontariamente colpito la passante. I tre feriti vengono trasportati all'Ospedale del Mare. Luigi Guadagno, il 73enne, è il più grave: i medici lo sottopongono ad un intervento chirurgico d'urgenza, ma morirà in serata. Per la 47enne, Luisa Esposito, il referto parla di 30 giorni di prognosi. La 40enne, Loredana Di Stadio, infine, ha riportato una frattura del femore e un ematoma al rene: dovrà essere operata.

Il responsabile si consegna ai carabinieri: scattato il fermo

In pochi minuti i carabinieri organizzano la caccia all'uomo tra Cercola, Volla e i comuni vicini. Il furgone viene ritrovato a Ponticelli, nel rione De Gasperi, dai militari della Compagnia di Torre del Greco. Ma è vuoto, non c'è traccia del conducente. È lui a presentarsi spontaneamente ai carabinieri di Volla qualche ora dopo, accompagnato dalla madre. Si tratta di un giovane napoletano con precedenti per furto, la sua posizione è al vaglio dell'autorità giudiziaria.

Poco dopo, la situazione per Francesco De Luca si aggrava: il 73enne, sottoposto ad un intervento chirurgico, muore. E in serata scatta il fermo per il 29enne: le accuse sono di furto per il furgone e, per quella manciata di minuti di terrore con tre investiti, di omicidio e di tentato omicidio.

 
191 CONDIVISIONI
Accerchiato e picchiato a Capodimonte, il pestaggio ripreso in video
Accerchiato e picchiato a Capodimonte, il pestaggio ripreso in video
Napoli, il video della rapina bel bar tabacchi di Barra
Napoli, il video della rapina bel bar tabacchi di Barra
10.024 di Fanpage.it Napoli
Furto nella sede di Filcams-Cgil a Napoli: arrestato un 40enne
Furto nella sede di Filcams-Cgil a Napoli: arrestato un 40enne
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni