Un tir che trasportava 205 chili di cocaina è stato intercettato ieri dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Caserta, guidati dal vice questore Davide Corazzini. L'autoarticolato, che procedeva sull'autostrada A1, tra Cassino e Caserta, è stato fermato dai poliziotti mentre era in transito e fatto uscire a Caserta Nord, dove è stato controllato. La droga nascosta nel rimorchio ha un valore di oltre 10 milioni di euro.

L'operazione è scattata nel pomeriggio di ieri, 18 febbraio. Ultima fase di una indagine delicata, che ha visto i poliziotti di Caserta impegnati a lungo a scavare nelle rotte del narcotraffico alla ricerca dell'occasione giusta per bloccare quel rifornimento destinato alla malavita organizzata. I poliziotti, in appostamento, hanno individuato il tir nei pressi dell'area di servizio San Nicola Ovest, in direzione Napoli. Lo avevano già individuato in autostrada e ne avevano tracciato i movimenti, in attesa del momento opportuno per intervenire. Alla guida dell'autoarticolato c'era un 53enne di nazionalità slovacca, arrestato per traffico di stupefacenti.

La cocaina era nel rimorchio, nascosta sotto materiali plastici, in un doppio fondo ricavato sotto le pedane. Gli agenti hanno scoperto decine di pacchi, per spostarla tutta è stato necessario usare un muletto: complessivamente sono state contate 175 confezioni, con loghi come CK, JEFE e T3J, per un totale di 205 chili. Il carico è stato trasportato nel piazzale del comando dei Vigili del Fuoco di Caserta, dove sono proseguite le operazioni col supporto di altre forze dell'ordine. Si tratta di uno dei più grossi sequestri di droga avvenuti negli ultimi tempi; una volta tagliata, divisa in dosi e immessa sul mercato, la cocaina avrebbe fruttato decine di milioni di euro.