immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Prima si è messo a sparare all'impazzata con una pistola per strada, poi, quando sono arrivati ai carabinieri, mentre i militari cercavano di farlo ragionare e di ricostruire il motivo di quel gesto, ha afferrato due coltelli e li ha puntati contro la madre. Bloccato dopo una breve colluttazione, è finito agli arresti C. A., 55enne del Rione Sanità, nel centro di Napoli: è accusato di resistenza a pubblico ufficiale. La pistola, risultata una replica, è stata sequestrata.

L'allarme alle forze dell'ordine è arrivato nel cuore della notte: in vico Cimitile, a Materdei, erano stati esplosi diversi colpi d'arma da fuoco. La centrale operativa del 112 ha inviato sul posto i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Stella. La strada era ormai deserta, non c'erano bossoli a terra né tracce di sangue. In pochi minuti i militari sono riusciti a individuare l'uomo che aveva sparato e che nel frattempo era rientrato in casa. Il 55enne è stato rintracciato all'interno del suo appartamento, dove vive insieme alla madre. Era fuori di sè, palesemente ubriaco.

I carabinieri hanno provato a calmarlo ma all'improvviso lui ha afferrato du coltelli da cucina e li ha puntati contro la madre. I militari lo hanno bloccato e disarmato dopo una breve colluttazione. La pistola è stata successivamente rinvenuta, durante i controlli nell'abitazione, all'interno della camera da letto del 55enne; si tratta di un'arma a salve, replica di quelle solitamente utilizzate dalle forze dell'ordine, che è stata sequestrata insieme ai coltelli. Il 55enne è stato portato nelle camere di sicurezza della caserma in attesa del processo.