90 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Marito e moglie rapinano camionista sull’Asse Mediano: in auto con loro anche i figli piccoli

I rapinatori sono stati identificati e presi dalle forze dell’ordine: incastrati dalle immagini delle telecamere.
A cura di Pierluigi Frattasi
90 CONDIVISIONI
Immagine

Marito e moglie tagliano la strada al furgone e lo costringono a fermarsi, poi rapinano il conducente sotto la minaccia di una pistola. A bordo dell'auto della coppia anche i figli piccoli. La rapina è stata consumata il pomeriggio del 25 gennaio scorso sull'Asse Mediano di Napoli, nei pressi dell'uscita di Casoria. A distanza di pochi giorni i rapinatori sono stati identificati e presi dalle forze dell'ordine: incastrati dalle immagini delle telecamere.

La rapina sull'Asse Mediano di Napoli

Protagonisti della vicenda marito e moglie di 30 e 29 anni. I due non esitarono a commettere una violenta rapina ai danni del conducente di un furgone, nonostante a bordo della propria auto ci fossero i figli piccoli. Sono stati fermati oggi dalla Polizia di Stato su ordine della Procura di Napoli Nord. In sede di convalida dei fermi, il gip ha disposto il carcere per l'uomo, e la misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per la 29enne. Sono accusati di rapina pluriaggravata.

Secondo le indagini dei poliziotti della Squadra Mobile di Napoli e dei commissariati di Afragola e Frattamaggiore, i due coniugi, con una serie di manovre spericolate, avrebbero costretto il conducente del furgone a fermarsi. I due avrebbero poi chiesto all'autista 50 euro, lamentando un danno alla loro auto che però non avevano subito. Insomma, una specie di truffa dello specchietto.

Le indagini della polizia

Quando la vittima rifiutò di versare la somma, però, la truffa degenerò in una violenta rapina. Il 30enne estrasse una pistola, minacciando il camionista. Quest'ultimo fu costretto a consegnare tutto il suo denaro e una catenina d'oro che aveva con sé. Dopo la denuncia, le forze dell'ordine sono riuscite a identificare i presunti responsabili della rapina attraverso le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona. L'auto adoperata per la rapina veniva utilizzata abitualmente dal 30enne. Il camionista, vittima della rapina, ha poi riconosciuto la coppia, raccontando di aver visto nell'auto dei rapinatori anche due bimbi piccoli, poi riconosciuti come i figli della coppia.

90 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views