120 CONDIVISIONI
Opinioni
Elezioni amministrative Napoli 2021
31 Maggio 2021
16:08

Ma chi se ne frega della fede calcistica dei candidati a sindaco di Napoli

Cosa c’entra la competizione elettorale per il prossimo sindaco di Napoli col tifo calcistico? Il candidato di Pd e M5S Gaetano Manfredi ha ammesso di essere juventino. Ma la ‘fede’ calcistica cosa toglie e cosa mette al progetto politico per una città che oggi si presenta disastrata sotto molti punti di vista?
A cura di Ciro Pellegrino
120 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni amministrative Napoli 2021

Quando si dice non avere proprio il senso della storia. Achille Lauro, il sindaco destrorso e populista fu anche appassionato presidente del Calcio Napoli negli anni Cinquanta ma non è passato certo alla storia come un grande amministratore pubblico (certo, dipende dai punti di vista).

Da quando c'è l'elezione diretta del sindaco di Napoli i primi due sindaci eletti dai cittadini, Antonio Bassolino e Rosa Russo Iervolino non hanno avuto un rapporto ‘appassionato', di simbiosi con la squadra: la vecchia scuola del Partito Comunista e quella della Democrazia Cristiana evidentemente suggerivano di non sottovalutare mai la passione sportiva di popolo ma nemmeno di farne progetto politico.

Luigi De Magistris è stato un caso a parte: tutti lo conoscevano come interista proveniente da storica famiglia di tifosi nerazzurri. Egli si è trasformato in tifoso del Napoli e amen: chi ci ha voluto credere ci ha creduto, chi non se l'è bevuta non ha battuto ciglio.

La domanda è una: perché dovrebbe fregarci qualcosa della passione calcistica di un candidato a sindaco di Napoli oggi?

La discussione nasce perché  Gaetano Manfredi, candidato sindaco del Partito Democratico e del Movimento Cinque Stelle alle prossime elezioni comunali di Napoli ha candidamente ammesso in radio di tifare per l'odiatissima Juventus:

Tifoso del Napoli? È uno dei miei difetti, non lo sono. Seguo il calcio, ma non sono tifoso del Napoli. Tifo per la Juventus, quindi essere juventini a Napoli è una cosa molto particolare.  Abito a Nola, e la squadra della mia città ha la maglia bianconera: da questa similitudine mi sono avvicinato alla Juventus.

Prendiamo a prestito una frase di un grande dirigente sportivo, il napoletano e interista Peppino Prisco, contenuta in un bell'amarcord del Napolista: «Perché confondere i problemi della città di Napoli con i problemi della società di calcio Napoli?».

Dunque perché un sindaco avrebbe bisogno della fede calcistica per risolvere i problemi di una città indebitata, caotica, mal tenuta, frastornata e sciupata dal degrado? Forse di fede ha bisogno, il futuro sindaco, ma di quella in San Gennaro. Che probabilmente pure si sarà scocciato di sentirsi pregare ad ogni elezioni amministrativa.

120 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
114 contenuti su questa storia
Elezioni Amministrative 2021 Napoli: si vota 3 e 4 ottobre. Il 17 e 18 ottobre l'eventuale ballottaggio
Elezioni Amministrative 2021 Napoli: si vota 3 e 4 ottobre. Il 17 e 18 ottobre l'eventuale ballottaggio
Alessandra Clemente si dimette da assessore. Da oggi è candidata a sindaco di Napoli a tempo pieno
Alessandra Clemente si dimette da assessore. Da oggi è candidata a sindaco di Napoli a tempo pieno
Elezioni Napoli 2021, il fratello di Maradona candidato con Catello Maresca
Elezioni Napoli 2021, il fratello di Maradona candidato con Catello Maresca
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni