203 CONDIVISIONI
13 Maggio 2022
16:48

“L’intervento prenotato è stato fissato”: ma la telefonata dell’ospedale arriva con 9 anni di ritardo

Una svista, quella dell’ospedale Monaldi di Napoli, che ha telefonato a una paziente della provincia di Avellino per comunicare la disponibilità per effettuare l’intervento prenotato: l’operazione, però, era stata già effettuata 9 anni prima nello stesso nosocomio.
A cura di Valerio Papadia
203 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

È stata grande la sorpresa per i componenti di una famiglia di Pratola Serra, nella provincia di Avellino, quando hanno ricevuto una chiamata dall'ospedale Monaldi di Napoli che li informava che l'intervento prenotato era finalmente stato fissato e potevano presentarsi nel nosocomio per sottoporvisi. Sorpresa perché l'operazione, prenotata per la loro bambina di nemmeno un anno di vita, nata con alcuni problemi cardiaci, era stata già effettuata, proprio nel nosocomio napoletano, 9 anni prima.

La vicenda è stata resa nota dall'emittente locale irpina Prima Tivvù, che ha raccontato la svista dell'ospedale Mondali: nel corso di una telefonata, la madre della bambina ha raccontato come l'intervento chirurgico sia stato effettuato nove anni fa, nel 2013, all'interno dello stesso ospedale, precisamente dall'equipe del Dipartimento di Chirurgia Cardiovascolare del Monaldi. Non solo, l'operazione è perfettamente riuscita, come testimoniano le attuali eccellenti condizioni di salute della bambina, che oggi ha 10 anni. Non è ancora chiaro come sia stato possibile, da parte dell'ospedale, telefonare alla paziente non soltanto a nove anni di distanza dalla prenotazione dell'intervento, ma dopo che questo era già stato effettuato, per giunta proprio nello stesso nosocomio.

203 CONDIVISIONI
Incidente sul lavoro a Flumeri, operaio di 32 anni investito da catrame liquido: è in ospedale
Incidente sul lavoro a Flumeri, operaio di 32 anni investito da catrame liquido: è in ospedale
Bimbo di 2 anni morto a Torre del Greco, l'autopsia:
Bimbo di 2 anni morto a Torre del Greco, l'autopsia: "È stato soffocato, non è annegato"
Suicidio Assistito, Fabio Ridolfi ha scelto la sedazione profonda
Suicidio Assistito, Fabio Ridolfi ha scelto la sedazione profonda
23.858 di Palma Antonio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni