È uno dei personaggi più amati della cultura e dello spettacolo partenopei: Massimo Troisi, attore e regista di San Giorgio a Cremano (Napoli), ha segnato la storia di una generazione attraverso i suoi film. Nato il 19 febbraio 1953, nella sua purtroppo breve ma folgorante carriera, dai piccoli teatri di San Giorgio a fino ai grandi palcoscenici nazionali, la Rai e poi il cinema, Troisi è per i napoletani nati negli anni Settanta e Ottanta quello che è stato nella musica Pino Daniele, anch'egli purtroppo scomparso e causa dello stesso ‘mal di cuore' del suo amico regista e attore. I napoletani che lo amarono e lo amano ancora, ricordano Massimo Troisi per alcune delle sue straordinarie battute, spesso con Lello Arena come spalla (ne La Smorfia e nei film). Ne ricordiamo alcune.

#1 I cento giorni…

Tonino: Vincé, io mi uccido, meglio un giorno da leone. Meglio 100 giorni da pecora?
Vincenzo: Tonì, che ne saccio io da pechere o do lione, fà 50 juorne da orsacchiotto.
(da Scusate il ritardo)

#2 La Madonna che ride!

Vincenzo: … Mi sento abbattuto, triste, non lo so, nun c'ha facc a vedé altra gente che piange, veramente…
Don Pietro: Come gente? A' Madonna che è, gente?
Vincenzo: No, che c'entra, mica voglio dire che la Madonna è.. nun c'ha facc, è nu fatt mio, cioè so' io che sto così, e voglio vede' gente nu pocu cchiù… ca se fa… Sinceramente, se rideva ci venivo.
Don Pietro: Sì, la Madonna rideva!
Vincenzo: Perché? Sempre miracolo è. Cioè na statua o ride o piange è nu miracolo. Però non lo so, pare che.. uno che va a vere' te miette… Non lo so, secondo me era meglio pure per voi, perché accussì o professore e' Napoli s'aveva sta' sulu zitto, perché il legno può trasudare mica può ridere. Si è mai visto un albero o una sedia che per improvviso cambiamento di temperatura "Ahahah", l'alberu cca seggia "Hai visto? È cambiato il tempo" No, perché è impossibile.
(da Scusate il ritardo)

3#Ugo, Massimiliano o Ciro ?

Gaetano: Ma mettiamo che… Stu figlio… Cioè mettiamo che io stu figlio… Cioè comme o chiamasse?
Marta: Ma… Io non ci ho ancora pensato… Massimiliano.
Gaetano: No, no, no, no pe' carità, quale Massimiliano, no guarda ‘o chiamamm… Cioè si se decide che stu figlio è… Cioè che' po… Cioè, io avevo pensato Ugo.
Marta: Come tuo padre?
Gaetano: Eh sì, ma no pe' mio padre, cioè a me nun me ‘mporta proprio e ‘sta cos. No è proprio perché accusì ‘o guaglione viene cchiù educato.
Marta: Ma perché, Massimiliano?
Gaetano: Massimiliano viene scostumato. ‘Cioè sient… Eh, lo so, è proprio ‘o nommo che è scostumato, perché Massimiliano je sento sempre per esempio: Massimiliano sta vicino a ‘a mamma, sta ‘o guaglion', e se move pe gghi' a quacche parte, ‘a mamm' prima che ‘o chiamm' "Ma-ssi-mi-lia-no!" ‘o guaglione già chissa addò sta, che sta facenno. Non ubbidiscono perché è troppo luongo', invece Ugo, tu lo chiami Ugo.. chillo come sta vicino a ‘a mamma che se sta pe' move, "Ugo!" ‘o guaglione non ha nemmeno ‘o tiemp, capit'? Po' fa' nu passo, però "Ugo!" adda' turnà pe' forza perché ‘o sient' ‘o nome', al massimo proprio ecco volendo ‘o ‘putimm' chiammà Ciro: è cchiù luongo, eh, ma proprio pe' nunn'o fa' veni' tropp' represso'.. ‘sino'.. però Ciro tene ‘o tiempo ‘e piglià nu poco' d'aria.
(da Ricomincio da Tre)

#4 Ricordati che devi morire!

Predicatore: Ricordati che devi morire!
Mario: Come?
Predicatore: Ricordati… che devi morire!
Mario: Va bene…
Predicatore: Ricordati che devi morire!
Mario: Sì, sì… no… mo' me lo segno…
(da Non ci resta che piangere)

#5 Uccidersi per amore?

Amedeo: Tommaso… non ci si uccide per amore, basta saper aspettare.
Tommaso: E allora io non mi uccido per amore, mi uccido per impazienza!
(da Pensavo fosse amore invece era un calesse)