27 Luglio 2021
12:03

Infermiera aggredita con un seghetto da falegname all’ospedale San Paolo di Napoli

La denuncia arriva dall’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate”: l’autrice dell’aggressione una donna che pretendeva di essere visitata e che è stata identificata dalla polizia. Fortunatamente, l’infermiera non è stata colpita e ha rimediato soltanto uno spavento. “Chiediamo un incontro al prefetto” ha detto Manuel Ruggiero, presidente dell’associazione.
A cura di Valerio Papadia

L'ennesima aggressione, a Napoli, ai danni di personale sanitario è andata in scena nella tarda serata di ieri, intorno alle 23, all'ospedale San Paolo di Fuorigrotta, periferia occidentale della città, dove una infermiera è stata aggredita con un seghetto da falegname. La denuncia arriva, su Facebook, dall'associazione "Nessuno tocchi Ippocrate", in prima linea per combattere i continui soprusi subiti da medici e infermieri, che ha raccontato quanto accaduto.

Al Pronto Soccorso, come detto nella serata di ieri, lunedì 26 luglio, al Pronto Soccorso del San Paolo si è presentata una donna che lamentava un malore. Quando l'infermiera al triage le ha spiegato che ci sarebbe stato da aspettare, la donna ha estratto dalla maglietta un seghetto da falegname e ha cercato di colpire l'infermiera, che è riuscita a evitare il seghetto solo grazie alla prontezza di riflessi di un collega, che l'ha tirata a sé. Nel frattempo, le guardie giurate hanno disarmato la donna e la polizia, arrivata sul posto, l'ha identificata, classificandola come paziente psichiatrica e riaffidandola alla famiglia.

"Ci troviamo difronte ad un vero e proprio tentato omicidio premeditato, bisogna fare assolutamente qualcosa, sopratutto bisogna rivedere i protocolli operativi con le forze dell’ordine, bisogna assicurare queste persone alla giustizia, chiediamo un incontro al prefetto!" è il commento del dottor Manuel Ruggiero, presidente dell'associazione "Nessuno tocchi Ippocrate".

Stefano, infermiere dell'ospedale Pellegrini preso a calci: "Tornerò, ma ho avuto paura"
Stefano, infermiere dell'ospedale Pellegrini preso a calci: "Tornerò, ma ho avuto paura"
Infermiere picchiato da un paziente al Vecchio Pellegrini di Napoli: 21 giorni di prognosi
Infermiere picchiato da un paziente al Vecchio Pellegrini di Napoli: 21 giorni di prognosi
Un paziente di 220 chili operato ai reni all'ospedale Pascale di Napoli
Un paziente di 220 chili operato ai reni all'ospedale Pascale di Napoli
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni