460 CONDIVISIONI
22 Novembre 2022
16:54

Il boss Bidognetti ordinò omicidio per vendicare nipotino offeso da un bimbo

Gianluca Bidognetti, ultimogenito del boss Cicciotto ‘e Mezzanotte, avrebbe ordinato l’omicidio di un affiliato per un litigio tra il nipotino e un altro bimbo.
A cura di Nico Falco
460 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Un battibecco tra bambini, durante il quale il nipotino del boss era stato offeso con insulti alla sua famiglia. Era bastato questo, secondo gli inquirenti, perché Gianluca Bidognetti, ultimogenito di Francesco "Cicciotto ‘e Mezzanotte", ordinasse di ammazzare un parente dell'altro bambino coinvolto, anche quest'ultimo affiliato al clan.

Il retroscena emerge dall'ordinanza, firmata dal gip di Napoli Isabella Iaselli, che ha portato oggi in manette 35 persone, tra cui Gianluca Bidognetti, le sorelle Katia e Teresa, i cognati e altri presunti affiliati alla fazione del clan del cartello dei Casalesi; le accuse sono, a vario titolo, di associazione camorristica, estorsione, usura, spaccio di droga e ricettazione.

L'agguato ordinato dal boss dei Casalesi per un litigio tra bambini

La lite era avvenuta tra il figlio di Katia Bidognetti e un altro bambino, imparentato con Emilio Martinelli, detto Barone, esponente storico dei Casalesi. Il nipotino di Bidognetti sarebbe stato insultato sullo spessore criminale: "Siete una famiglia di falliti, non siete più nessuno – gli aveva detto l'altro – a me a casa mia il più poco tiene quattro ergastoli".

Offese che, secondo quanto ricostruito dalla Direzione Distrettuale Antimafia e dai carabinieri, andavano lavate col sangue nonostante fossero state pronunciate da un bambino e in quelle circostanze. E così, ricostruiscono gli inquirenti, Gianluca Bidognetti aveva ordinato di ammazzare Martinelli.

Il bambino è stato intercettato anche mentre interviene in una discussione tra il padre e la zia Teresa e che verte proprio sul litigio. "Zia, ma eh… – dice – perché quando uscirà zio Gianluca cambieranno tante cose secondo me…".

In una conversazione intercettata in cercare l'ultimogenito di Cicciotto ‘e Mezzanotte si rivolge al cognato Vincenzo D'Angelo e gli chiede che fine avesse fatto "quello sporco del Barone"; al che, l'altro risponde: "Chi lo vede… per piacere, non farmi girare lo stomaco". Per gli inquirenti proprio D'Angelo sarebbe stato incaricato dell'agguato, ma sarebbe stato convinto dalla moglie Teresa a non attuarlo.

460 CONDIVISIONI
Ammazzati con fucili a pallettoni e mitra per punizione, condannati boss dei Casalesi
Ammazzati con fucili a pallettoni e mitra per punizione, condannati boss dei Casalesi
"Il figlio del boss Ligato mi controllava col drone quando smisi di pagare la tangente"
Rapina alle poste di Aversa, dipendenti legati con le fascette: colpo da 100mila euro
Rapina alle poste di Aversa, dipendenti legati con le fascette: colpo da 100mila euro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni