25 Ottobre 2022
7:00

Il 25 ottobre 990 il terremoto che rase al suolo Sannio e Irpinia cancellando intere città

Il 25 ottobre 990 un violento terremoto rase al suolo Sannio e Irpinia: diverse città furono rase al suolo e abbandonate, diverse migliaia i morti.
A cura di Giuseppe Cozzolino
Alcune rovine dell’antica Compsa, poi diventata Conza, assieme a rovine di terremoti successivi
Alcune rovine dell’antica Compsa, poi diventata Conza, assieme a rovine di terremoti successivi

Il 25 ottobre 990 un violento terremoto scosse l'Appennino campano: una scossa, avvertita da Capua fino in Puglia, dilaniò soprattutto il Sannio e l'Irpinia, distruggendo intere città, alcune delle quali non vennero mai più ricostruite. Impossibile stabilire un numero di vittime anche approssimativo: ma dalle cronache storiche le cifre appaiono essere consistenti e nell'ordine di diverse migliaia, soprattutto considerando la repentina scomparsa di diversi borghi, sepolti dalle macerie.

L'epicentro fu nei dintorni di Carife, oggi in provincia di Avellino: ma la scossa fu tale che fino a Capua fu avvertita distintamente. I comuni più vicini, come Ariano Irpino, Frigento e Conza vennero rari al suolo. I danni subiti da Conza (all'epoca chiamata Compsa) furono tali che l'intero abitato non esisteva più. I cronisti dell'epoca, presenti nelle grandi città, descrissero bene i danni avvenuti soprattutto in quei centri. Come ad esempio a Benevento, dove crollarono ben quindici torri difensive della città, mentre nella cittadina di Vipera, poco distante dal capoluogo sannita, crollò perfino il castello. Tali furono i danni che i cittadini scapparono in altre città e Vipera non venne mai più ricostruita, così come capitò a Ronsa.

La descrizione più dettagliata è quella fornita nella Chronica sacri monasterii casinensis (Cronaca del sacro monastero cassinese", poi passato alla storia come Chronicon, iniziato da Leone Marsicano e poi "terminata" da Pietro Diacono, sulla storia dell'Abbazia di Montecassino. I due nacquero negli anni successivi al terremoto, ma poterono consultare fonti oggi perdute e soprattutto parlare con i superstiti o i loro diretti discendenti. E nelle loro "cronache", si parla anche dei terremoto che flagellavano la zona, tra cui proprio quello del 25 ottobre 990 che colpì Sannio e Irpinia, così riportato:

Un grande terremoto si verificò sia a Capua che a Benevento, tale da abbattere tantissime case e far sonare la campane della città. A Benevento abbatté il castello di Vipera e fece crollare 15 torri, sotto le cui macerie morirono centocinquanta abitanti. Distrusse gran parte di Ariano e Frigento, abbatté quasi la metà della città di Compsa e causò la morte del vescovo con molti altri cittadini. Seppellì Ronsa con quasi tutti gli abitanti.

Appena un secolo e mezzo dopo, sarebbe poi arrivato un altro terremoto, quello dell'11 ottobre 1125, oggi classificato come dell'ottavo grado su scala Mercalli e che sarebbe durato per 20 giorni. Ma questa, come si suol dire, è un'altra storia.

Terremoto in Turchia, le immagini della città di Kahramanmaras rasa al suolo dal sisma
Terremoto in Turchia, le immagini della città di Kahramanmaras rasa al suolo dal sisma
10.481 di Viral News
Orrore nel Parco del Matese, lupo ucciso a fucilate
Orrore nel Parco del Matese, lupo ucciso a fucilate
Camionista pestato a morte a Benevento, condannato a 9 anni l'aggressore
Camionista pestato a morte a Benevento, condannato a 9 anni l'aggressore
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni