3.640 CONDIVISIONI
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai
16 Ottobre 2021
9:47

I licenziamenti dei 340 operai Whirlpool di Napoli sono stati tutti confermati

Stanotte alle 2 del mattino è arrivata una nota della società Whirlpool che ha confermato la chiusura della procedura di licenziamento collettivo per i 340 operai impegnati nel sito produttivo di via Argine a Napoli. Le lettere di licenziamento saranno inviate a partire dal prossimo 22 ottobre.
A cura di Ciro Pellegrino
3.640 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai

Brutte notizie confermate per gli operai della Whirlpool di Napoli: l'azienda ha confermato la chiusura della procedura di licenziamento collettivo di 340 operai per il sito di Napoli. Recita così una nota diffusa stanotte, alle 2 del mattino, da Whirlpool al termine dell'incontro con i sindacati. Le lettere di licenziamento partiranno dal 22 ottobre. E conferma gli incentivi all'esodo nella misura di 85mila euro o il trasferimento di tutti i lavoratori presso l'unità di produzione di Cassinetta di Briadronno in provincia di Varese nonché la disponibilità a proseguire la trattativa per il trasferimento di asset.

Ecco la nota dell'azienda di produzione di elettrodomestici ‘bianchi':

Whirlpool ha partecipato ieri all'ultima riunione relativa alla fase finale della procedura di licenziamento collettivo relativa al sito di Napoli, avviata il 15 luglio e successivamente prorogata il 28 settembre fino al 15 ottobre d'intesa con il Governo e sindacati. Durante l'incontro è stato presentato un aggiornamento sul possibile progetto di reindustrializzazione ipotizzato per l'area del sito di via Argine.

La società, pur riconoscendo gli sforzi profusi dal Governo e dalla Regione per trovare soluzioni idonee a consentire una nuova missione industriale per il sito di Napoli, si rammarica che i progetti presentati siano ancora in una fase non compatibile con le esigenze e tempistiche espresse dalla società più volte e da ultimo ribadito nella riunione del 28 settembre. Per le ragioni sopra esposte, la società considera il procedimento ex L. 223/91 avviato il 15 luglio definitivamente concluso il 15 ottobre senza alcun accordo.

L'ipotesi: un hub di mobilità sostenibile

Il consorzio che sta cercando di trovare una alternativa per non chiudere l'insediamento produttivo di via Argine  aveva chiesto tempo fino al 15  dicembre ma azienda ha detto no. L'ipotesi è quella di realizzare un hub di mobilità sostenibile cui sta lavorando un Consorzio di 7 aziende individuate da Invitalia infatti prevedono una operatività del progetto industriale non prima del 15 dicembre.

Ma le lettere di licenziamento che sarebbero dovute partire oggi restano comunque congelate fino al 22 ottobre prossimo per effetto del rinvio da parte del tribunale di Napoli della discussione del ricorso presentato dai sindacati contro l'attività antisindacale di Whirlpool per quella data, accolta dall'azienda che si è impegnata a non procedere ai licenziamenti.

Cgil-Fiom: "Azienda scarica i lavoratori"

In una nota congiunta Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil e responsabile elettrodomestico e Rosario Rappa, segretario generale Fiom-Cgil Napoli attaccano l'azienda, annunciando che domani ci sarà l’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori nello stabilimento di via Argine per decidere le prossime iniziative.

Dopo il mancato accordo di ieri notte con Whirlpool, è stato convocato per martedì 19 ottobre un nuovo tavolo al Mise sulla vertenza Whirlpool alla presenza dei ministri Giancarlo Giorgetti e Andrea Orlando. Whirlpool ieri ha scaricato i lavoratori e anche il governo con il suo comportamento irresponsabile, rifiutando qualunque proroga o mediazione e scegliendo quindi di non accompagnare le lavoratrici e i lavoratori verso la soluzione che il governo sta costruendo.
Ci auguriamo che nell’incontro di martedì prossimo il governo arrivi con una soluzione che eviti i licenziamenti.

3.640 CONDIVISIONI
È morto Giuseppe Borrelli, il "nonno Whirlpool". Ai lavoratori disse: "La fabbrica è nostra. Non mollate"
È morto Giuseppe Borrelli, il "nonno Whirlpool". Ai lavoratori disse: "La fabbrica è nostra. Non mollate"
Whirlpool Napoli, la rabbia degli operai: il Governo non si presenta al tavolo del Mise
Whirlpool Napoli, la rabbia degli operai: il Governo non si presenta al tavolo del Mise
Rabbia di sindacati e operai Whirlpool Napoli, al Mise non si presentano i ministri
Rabbia di sindacati e operai Whirlpool Napoli, al Mise non si presentano i ministri
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni