Era inevitabile: la crociata di Vincenzo De Luca contro la Festa di Halloween 2020 (31 ottobre) espressa in pochi minuti di un video più ampio con i soliti coloriti epiteti («imbecillità, americanata..») è rimbalzata sui media internazionali, in particolare quelli inglesi e americani, lì dove cioè la ‘festa della zucca' all'insegna dell'horror è un appuntamento consolidato da tempo. A dare fuoco alle micce, per così dire, è un lancio dell'Associated Press, la prima agenzia di stampa internazionale, con sede negli Stati Unit:

Campania Gov. Vincenzo De Luca blasted the holiday as a “stupid American extravagance” and a “monument to imbecility” in announcing a 10 p.m. curfew in Naples and the surrounding region over Halloween weekend.

Dunque la frase di De Luca, «stupida americanata» e «monumento all'imbecillità» riferita ad Halloween passa facilmente oltre Oceano, ripresa attraverso Ap anche da altri giornali come il Washington Post. E anche oltre Manica: il video di De Luca,tradotto in inglese, diventa inevitabilmente oggetto di discussioni e condivisioni. Se ne occupa anche il quotidiano britannico The Independent che ricorda tutto il repertorio del presidente della Regione, compresa la celebre minaccia dei «carabinieri con il lanciafiamme» contro le feste di studenti dello scorso  20 marzo, in pieno lockdown una sortita che fece letteralmente impazzire i giapponesi, convinti che davvero in Campania le forze dell'ordine girassero coi lanciafiamme e anche la ex top model inglese Naomi Campbell che pubblicò un video con De Luca sul suo profilo Instagram magnificando la forza d'animo e la, per così dire "risolutezza" degli amministratori locali italiani.

La sortita del presidente della Regione Campania si spiega con la decisione di istituire in Campania un coprifuoco per l'ultimo fine settimana di ottobre, chiudendo non solo i locali pubblici serali ma anche vietando la circolazione delle persone senza valida autorizzazione a partire dalle 22. Obiettivo: evitare che le feste pubbliche e private per Halloween (mascherate, serate di musica eccetera) possano concorrere con gli inevitabili assembramenti ad aumentare i contagi Covid in Campania.