Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Due persone sono state arrestate a Grumo Nevano, nella provincia di Napoli, dopo aver commesso una rapina in un supermercato della zona: si tratta di un 20enne di Cesa (Caserta), incensurato, e di un 33enne di Sant'Antimo (Napoli), già noto alle forze dell'ordine; i due sono stati arrestati dai carabinieri della stazione di Grumo Nevano con l'accusa di concorso in rapina aggravata. I due malviventi, nel pomeriggio di ieri, sono entrati in un supermercato sito in Corso Cirillo, con i volti travisati dai caschi integrali e dalle mascherine chirurgiche: dopo aver puntato una pistola contro i dipendenti dell'esercizio commerciale, i due ladri sono scappati via con l'incasso, circa 2.300 euro in contanti, più alcuni buoni pasto.

I militari dell'Arma intervenuti sul posto, grazie all'analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza del supermercato, sono riusciti a identificare e rintracciare i due rapinatori: nell'ambito della perquisizione domiciliare, sono stati rinvenuti la pistola scacciacani e gli abiti utilizzati per la rapina. Dopo l'arresto, il 20enne incensurato è stato sottoposto agli arresti domiciliari, mentre il 33enne è stato portato in carcere: entrambi sono a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, in attesa dell'udienza di convalida dell'arresto.

A Casoria, ancora nella provincia di Napoli, qualche settimana fa, all'esterno del noto centro commerciale Globo è invece andata in scena una rapina armata a un furgone portavalori. All'esterno dell'attività commerciale, alcuni malviventi hanno minacciato le guardie giurate con delle armi, esplodendo anche alcuni colpi in aria: in quella occasione, i banditi sono riusciti a fuggire con 42mila euro.