Tagliati gli alberi di piazza Bellini dai giardinieri del Comune. Scoppia l'ira delle associazioni ambientaliste: “Sbagliate le capitozzature, uno scempio”. Per Green Italia, “ben vengano le potature, ma le foto che stanno girando parlano chiaro, si tratta dell’ennesimo intervento invasivo per quei poveri alberi. Una modalità verificata molto spesso in precedenza che non riusciamo a capire e tollerare più e che il Regolamento mancante, redatto insieme anche ad agronomi  e botanici esperti e donato gratuitamente a quest'Amministrazione qualche anno fa, metterebbe definitivamente da parte”. Mentre Gazebo Verde commenta: “Il grave degrado di Piazza Bellini travolge anche il verde”. La consigliera Rosanna Laudanno: "Vanno studiati altri metodi".

Alberi capitozzati in piazza Bellini, l'ira delle associazioni

Le potature in piazza Bellini, noto luogo di ritrovo del centro storico, frequentato soprattutto dagli habituè della movida, sono avvenute negli ultimi giorni. Ma le modalità hanno suscitato dure critiche da parte delle associazioni ambientaliste. “L’Assessore Felaco – scrive Guido Liotti, di Green Italia – riporta giornalmente su Facebook il bollettino di iniziative lodevoli, come le manutenzioni di periferia che non si facevano da anni, e non possiamo ovviamente non essere contenti riguardo alla  tanto agognata ripresa dei lavori per il Parco dell’Ex Gasometro al Vomero. Ma è evidente la mancanza di un disegno integrato in merito a tutte queste azioni. Un’azione coordinata che si dovrebbe nutrire di uno spazio di confronto trasparente con tutte le forze competenti ed appassionate di questa città, come prevedeva del resto l'adozione della Consulta. Così facendo si eviterebbero una volta per tutte quelle situazioni oscene alle quali non ci siamo mai assuefatti, come l’intervento di Piazza Bellini di questi giorni”.

Per la consigliera della II Municipalità Rosanna Laudanno, “sono anni che assistiamo a questo modo di fare in città che non giova a favore della tutela ambientale. Una parte di questa città, soprattutto ambientalisti, il mondo dell’associazionismo “green”, ha sempre insistito sul tipo di intervento da fare senza essere ascoltata. Molti agonomi spesso hanno messo in luce quanto una potatura del genere possa solo essere dannosa. Non solo appare antiestetico ma è anche dannoso per gli alberi
Questi interventi così aggressivi e radicali mettono a riparo per più tempo ma provocano danni a lungo andare, impoverendo il nostro patrimonio arboreo. Sarebbe il caso prendere in considerazione altri tipo di interventi capaci di coniugare la tutela ambientale insieme alla sicurezza”.

Mentre Maria Teresa Ercolanese, dell'associazione Gazebo Verde, commenta: “Il grave degrado di Piazza Bellini travolge anche il verde. Quello che un tempo era uno luoghi più nobili della città antica perde anche le piante che arricchivano le aiuole circostanti a causa dell’incuria e del perenne abbandono generato dalla mancata manutenzione. Quello a cui stiamo assistendo purtroppo è la graduale perdita del patrimonio arboreo della città”.

Duri anche Carmine Maturo portavoce di Green Italia e Maurizio Fraissinet del direttivo Green Italia: “Registriamo purtroppo ancora la vera e propria assenza di confronto dell’Assessorato e del Servizio competente nei confronti del Tavolo cittadino con associazioni ed esperti istituito dalla stessa Amministrazione con l'Assessore Borriello e sugli impegni assunti in precedenza – dichiarano -Prendiamo atto di questa situazione di impasse e, insieme a tutta Green Italia Campania, chiediamo con forza all'Amministrazione di dare in tempi brevi, anche per dimostrare l'effettiva volontà politica di risolvere le problematiche rispetto alle gravi carenze riscontrate, risposte concrete al fine di evitare ulteriori disastri sul verde urbano”.