14 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Elezioni amministrative 2024

Elezioni Avellino, si va al ballottaggio tra Antonio Gengaro (36,98%) e Laura Nargi (32,49%)

Antonio Gengaro ha raccolto il 36,98% al primo turno. Laura Nargi, vice-sindaco uscente dell’amministrazione Festa, il 32,49%
A cura di Pierluigi Frattasi
14 CONDIVISIONI
Antonio Gengaro (a sinistra), Laura Nargi (a destra)
Antonio Gengaro (a sinistra), Laura Nargi (a destra)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Sarà ballottaggio ad Avellino tra Antonio Gengaro, candidato del centrosinistra a guida Pd-M5S, e Laura Nargi, vice-sindaco uscente della giunta guidata dall'ex sindaco Gianluca Festa e candidata con una coalizione di liste civiche. Avellino è l'unico capoluogo di provincia in Campania al voto per le elezioni amministrative dell'8-9 giugno 2024. Nessuno dei sette candidati in campo per la carica di sindaco, infatti, è riuscito a superare il 50% più uno dei voti necessari per essere eletti al primo turno. Si tornerà alle urne tra 15 giorni (domenica 23 e lunedì 24 giugno) per il rush finale.

I voti delle coalizioni

Ad Avellino erano 7 i candidati sindaco in campo. Il più votato, al primo turno, è risultato Antonio Gengaro, già vicesindaco e consigliere comunale di lunga data – è stato più volte anche presidente del consiglio comunale – candidato con la coalizione di centrosinistra con Pd, M5S e liste civiche. Nel complesso, la sua compagine ha raccolto il 36,98%, con 11.353 preferenze. Il Pd è risultato il primo partito, con il 19,61% dei consensi al primo turno (5.769 preferenze). Mentre la lista Controvento-Alleanza Verdi e Sinistra-Si può per Gengaro Sindaco ha raccolto il 10,48%, seguita da M5S al 5,15% e da App -Avellino Progetto partecipato-+Europa-Civiche al 4,68%.

L'altra candidata sindaco al ballottaggio è Laura Nargi, che con la sua coalizione – composta da tre liste civiche Davvero Avellino, Siamo Avellino e W La Libertà – ha raccolto il 32,49% (9.975 preferenze). La lista Davvero-Avellino ha preso il 17% (5001 voti), con Siamo Avellino al 9,08% e W La libertà al 3,88%. Nargi è stata per 5 anni vice-sindaco nell'amministrazione di Gianluca Festa. È anche lei indagata nell'ambito dell'inchiesta Dolce Vita che lo scorso aprile ha portato agli arresti domiciliari l'ex primo cittadino. Festa, domenica scorsa, ha ottenuto dal gip la possibilità di potersi recare al seggio per votare. Tutte le parti avranno modo di difendersi nel corso del procedimento e di dimostrare la loro estraneità ai fatti e sono da considerarsi innocenti fino a sentenza definitiva.

Tra gli altri candidati che non sono riusciti ad andare al ballottaggio, Rino Genovese, giornalista Rai, (Moderati e Riformisti Avellino, Forza Avellino, Patto civico Avellino, La Rondine, Cittadini in Movimento) ha raccolto il 21,86% dei consensi, Modestino Maria Iandoli (FdI) il 4,28%, Aldo D'Andrea (Unità Popolare) il 2,35%, Gennaro Romei (Udc) l'1,29%, Vittorio Boccieri (Paf – Progetto Avellino Futura) lo 0,75%.

14 CONDIVISIONI
65 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views