video suggerito
video suggerito

Dove vivono le persone più ricche di Napoli oggi

Mappa del reddito medio per quartiere a Napoli. Chi vive a Chiaia guadagna 4 volte di più di chi sta a Forcella. Ma il reddito medio è tra i peggiori d’Italia.
A cura di Pierluigi Frattasi
767 CONDIVISIONI
Immagine

Dove vivono i cittadini più ricchi di Napoli? I dati del 2023 parlano chiaro: a Posillipo c’è il reddito medio più alto, con 48.161 euro all’anno pro capite. Quello più basso, invece, a Scampia e Secondigliano, con 15.630 euro. Napoli è una città in forte crescita e sempre più attrattiva per i turisti. Negli ultimi anni, in particolare nel periodo post-Covid, si è assistito ad un doppio fenomeno: da un lato il calo della popolazione residente, dall’altro l’aumento del turismo. In città, soprattutto nel centro storico, si è avuta una proliferazione di B&B e Case Vacanza. Il costo della vita è notevolmente aumentato. Dall’altro lato, il reddito medio annuo lordo dichiarato a Napoli è tra i più bassi tra le grandi città italiane: 22.600 euro, rispetto ai 37.200 euro di Milano, 29.500 euro di Bologna, 28.600 di Roma. Peggio di Napoli fa solo Palermo con 21.800, mentre Bari è leggermente sopra a 23.400 euro all'anno.

Il primo rapporto dell'Osservatorio Economia

Questi i dati che emergono dal primo rapporto dell’Osservatorio Economia e Società Napoli, nato in collaborazione con il Comune di Napoli, che nel complesso restituisce l’immagine di una città dinamica e in forte crescita. Una città con un tessuto di imprese vivo e dinamico ma frammentato, disoccupazione in diminuzione anche se è ancora bassa la quota di lavoratrici e permangono sperequazioni tra le varie aree del comune. Lo studio è stato presentato questa mattina dal sindaco Gaetano Manfredi e dall’assessore al Bilancio, Pier Paolo Baretta, che hanno voluto l’istituzione dell’Osservatorio, il cui coordinamento è affidato al professor Gaetano Vecchione, dell’Università Federico II.

A Napoli, da quanto emerge dallo studio, il 48% dei contribuenti dichiara meno di 15mila euro all’anno di reddito, a Milano sono il 39%, a Roma il 38%, a Bari e Palermo rispettivamente 43% e 47%. Napoli presenta anche il più basso tasso di contribuenti sulla popolazione residente rispetto alle altre grandi città: 53%. Nelle altre città del CN: circa il 70%, a Bari 65%, a Palermo di poco superiore.

Immagine

La mappa del reddito pro capite per quartiere

Napoli, per quanto riguarda il reddito pro capite dei cittadini, secondo il rapporto, potrebbe essere raggruppata in tre aree: 1) Nord-Orientale, 2) Collinare Posillipo, 3) Area occidentale-centro storico. Tra i vari quartieri ci sono enormi differenze di reddito. Il reddito medio di Chiaia, per esempio, considerato il salotto buono della città, è circa 4 volte quello di Forcella-Porta Capuana.

Se confrontato con i quartieri bene di Roma e Milano, però, il reddito dei napoletani di Chiaia risulta molto lontano da quello dichiarato da romani e milanesi. Mentre a Chiaia arriva a sfiorare i 50mila euro annui, infatti, ai Parioli di Roma si arriva a 70mila, mentre a Brera a Milano si superano i 100mila euro annui.

Secondo i dati MEF (dichiarazioni IRPEF 2022), a Napoli il reddito medio annuo lordo dichiarato è di 22.600 euro, leggermente superiore alla media nazionale. Il 48% dei contribuenti dichiara meno di 15mila, a Milano sono il 39%, a Roma il 38%, a Bari e Palermo rispettivamente 43% e 47%. Napoli presenta il più basso tasso di contribuenti sulla popolazione residente rispetto alle altre grandi città: 53%.

Di seguito la mappa del reddito per quartiere

  • Posillipo: 48.161 euro
  • Chiaia: 39.847 euro
  • Vomero: 38.393 euro
  • Arenella: 29.025 euro
  • Chiaiano: 27.021 euro
  • Pianura-Soccavo: 18.292 euro
  • Bagnoli: 19.319 euro
  • Fuorigrotta: 21.403 euro
  • Ponticelli-Barra: 15.763 euro
  • San Giovanni a Teduccio: 15.906 euro
  • Poggioreale: 17.274 euro
  • San Carlo all'Arena: 17.123 euro
  • Stella-San Lorenzo: 19.052 euro
  • San Pietro a Patierno, Scampia, Secondigliano: 15.630 euro
  • Piscinola, Miano: 16.241 euro
Immagine

Napoli terza città d’Italia per popolazione

Napoli è la terza città più popolosa d’Italia, dopo Roma e Milano, sebbene sia interessata da un calo demografico che ha avuto inizio negli anni ‘80 del secolo scorso. La popolazione, oltre a ridursi, sta sperimentando un processo di graduale invecchiamento con un rapporto di 152,6 over 65 per 100 under 15 (dati del 2021). Sempre nel 2021 gli stranieri residenti erano 53.440, il 91% dei quali proveniente da paesi extra europei. Complessivamente rappresentavano il 6% della popolazione cittadina. Gli stranieri tendono a concentrarsi nei quartieri centrali del territorio cittadino, in particolare nelle Municipalità 2 e 4.

Nel 2021 a Napoli si registra un saldo negativo superiore alle 7.500 unità. La perdita di abitanti riguarda tutte le aree metropolitane, ma interessa in maniera significativa la municipalità 8 (-9%) e le municipalità 9 e 10 (-7%).

767 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views