349 CONDIVISIONI
Opinioni
Elezioni amministrative Napoli 2021
9 Settembre 2021
10:36

L’ultimo ‘regalo’ di De Magistris a Napoli è un altro salasso per la tassa rifiuti

L’ultimo regalo del sindaco uscente Luigi De Magistris ai napoletani è l’ennesimo salasso sulla tassa rifiuti solidi urbani: chi paga pagherà ancora di più. Chi non paga, invece, continuerà a fare i fatti propri e, beatamente, a ridere di noi poveri fessi.
A cura di Ciro Pellegrino
349 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni amministrative Napoli 2021

È ingiusto gettare addosso a Luigi De Magistris l'intera croce del disastro dello smaltimento rifiuti a Napoli, un andazzo che va avanti dagli anni Ottanta. Ma possiamo imputargli due cose: la prima è di non aver risolto niente. Niente. Differenziata bassa, strade sporche, tutto lo smaltimento è affidato a inceneritore di Acerra o spedizione di munnezza via nave all'estero, altro che promesse di "rifiuti zero".

La seconda cosa che va imputata all'ex pm oggi in fuga da Napoli per un posto nel consiglio regionale della Calabria, è di essersi venduto una città che invece non è come lui dice. Napoli non solo è sporca, ma paga una tassa rifiuti altissima. Ora l'eredità che Luigi De Magistris lascerà al prossimo sindaco di Napoli sarà quella di un ennesimo salasso per la Tari, la tassa rifiuti.

Come Fanpage.it ha reso noto ieri, spulciando attentamente le carte del bilancio comunale, arriverà  il conguaglio della tassa sulla spazzatura nella prossima bolletta per i cittadini napoletani. Oltre 9 milioni e mezzo di euro di adeguamenti per arretrati dal 2018, che si pagheranno a partire dall’anno prossimo, spalmati sulle bollette e per i successivi tre anni.

Insomma, chi paga pagherà di più. Chi non paga continuerà a fare i fatti propri e a ridere di noi. I poveri fessi sempre pronti a pagare per essere in regola. Che dire? Grazie assai.

349 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
232 contenuti su questa storia
Dormire è impossibile: il racconto e la disperazione di chi vive al centro storico di Napoli
Dormire è impossibile: il racconto e la disperazione di chi vive al centro storico di Napoli
San Gennaro 2021, l'arcivescovo Battaglia: "Solo chi ama Napoli potrà amministrarla"
San Gennaro 2021, l'arcivescovo Battaglia: "Solo chi ama Napoli potrà amministrarla"
67.308 di Peppe Pace
Comunali Napoli, fuori anche la civica Catello Maresca: ora il centrodestra ha 4 liste in meno
Comunali Napoli, fuori anche la civica Catello Maresca: ora il centrodestra ha 4 liste in meno
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni