Nuovo mini-focolaio di coronavirus nel Casertano: sei i casi registrati tra ieri e oggi a Conca della Campania, tutti che sembrerebbero avere una origine in comune. Il sindaco David Simone ha sospeso d'urgenza il mercato settimanale, previsto per oggi, spiegando anche che quindici persone sono finite in quarantena, in attesa di ricostruire i link epidemiologici. Altri sette i tamponi praticati ad altri familiari venuti in contatto con i casi positivi: i risultati saranno resi noti nelle prossime ore.

Si tratta dei primi sei casi di coronavirus dall'inizio della pandemia: finora il paese era risultato "immune" al SARS-CoV-2. A far scattare l'allarme, una donna soccorsa per problemi respiratori e scoperta positiva al coronavirus: per lei è scattato il trasferimento d'urgenza al CoViD Hospital di Maddaloni. A quel punto sono scattati i controlli incrociati, portando alla scoperta di altri sei casi complessivi. Le condizioni della donna sono ora buone e giudicate stabili. Asintomatici invece gli altri contagiati. Si attende ora l'esito dei tamponi su altre sette persone, tutti contatti dei positivi. Quindici, invece, le persone in quarantena nel piccolo paese casertano.

Intanto, inizia a spegnersi il focolaio di Mondragone: con altri quattro guariti, per la prima volta i casi attivi scendono sotto gli ottanta. Non si sono registrati ulteriori incrementi dopo la scoperta dei 92 casi in pochi giorni, e finalmente il focolaio sta iniziando a far registrare cifre continuamente al ribasso giorno dopo giorno. Stabili i dati dagli altri comuni del Casertano: complessivamente, sono 108 le persone ancora positive, 79 delle quali nel comune di Mondragone.