190 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Trasporto pubblico a Napoli

Come saranno le scale mobili di Montesanto, riparte il cantiere a fianco della Cumana dopo 16 anni

Ripartono i lavori per realizzare le scale mobili dei “Gradini del Paradiso”: collegheranno piazzetta Montesanto a Corso Vittorio Emanuele.
A cura di Pierluigi Frattasi
190 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Trasporto pubblico a Napoli

Riparte il cantiere delle scale mobili di Montesanto, ferme da 16 anni, da quando furono inaugurate nel 2008. La nuova infrastruttura che si trova sul lato sinistro della stazione della Cumana di Montesanto, sarà rimessa a nuovo con un investimento di 4,8 milioni di euro di Eav, che gestisce anche la linea flegrea. Le scale mobili collegheranno piazzetta Montesanto e la Pignasecca a vico Paradiso, ai Quartieri Spagnoli, dal quale poi si accede a via Girardi, all'ex Ospedale Militare e al Corso Vittorio Emanuele. Sarà costruito un tunnel, che garantirà un percorso coperto sulle scale, monitorato con le telecamere.

Scale realizzate nel 2008, ma mai aperte

L'impianto dei “Gradini del Paradiso", costato circa 2 milioni di euro all'epoca, fu inaugurato il 30 maggio 2008, nell'ambito del restyling da 66 milioni di euro della stazione della Cumana. Provvisto di passerella per il trasporto disabili e sistema di videosorveglianza. Ma non è stato mai attivato per il pubblico perché si scoprì, prima dell'apertura, che non era più a norma. Tutto si arenò, poi, a causa delle difficoltà di individuare un gestore e di un contenzioso con la ditta incaricata dei lavori. Nel 2012 un incontro tecnico tra commissariato straordinario, Regione Campania, ex Sepsa, Metronapoli e il Comune di Napoli, portò a un accordo per riattivare le scale entro 8 mesi, che prevedeva alla fine la consegna dell'opera al Comune, che l'avrebbe gestita. Ma anche questo progetto non si è attuato.

Cantiere sbloccato dopo 10 anni

La svolta è arrivata 10 anni dopo, quando l'Eav, presieduta da Umberto De Gregorio, ha preso in mano le redini della vicenda. L'EAV è subentrata nel 2022 quale soggetto attuatore. Il nuovo cantiere è stato inaugurato il 4 marzo scorso dal governatore Vincenzo De Luca, nel corso della presentazione anche dei nuovi lavori della stazione Cumana, per 18 milioni di euro. La messa in funzione delle scale di Montesanto è un progetto che risale al lontano dicembre 1986.

L’attivazione delle scale consentirà nuovamente il collegamento pedonale tra Corso Vittorio Emanuele ed il popolare quartiere di Montesanto. Gli interventi riguarderanno la sostituzione scale mobili ed impianti e la realizzazione di una copertura attraverso un manufatto a protezione del sistema di risalita delle scale mobili, situato sul lato sinistro della stazione EAV di Montesanto a Napoli. Il valore complessivo dell’intervento è pari ad 4,8 milioni di euro.

Per quanto attiene agli interventi di ammodernamento e completamento propri della stazione di EAV di Montesanto, del valore complessivo parti ad € 13,2 Mln, questi riguardano:

  • i lavori, in corso, di finitura per collegare la stazione con una ulteriore uscita, vico Montesanto, attraverso una galleria dotata di scale mobili che si sviluppa sotto i binari di stazione e che, inoltre, agevolerà i viaggiatori nel raggiungere la Linea 2 della Metro.
  • l’adeguamento e completamento impianti di stazione ovvero: implementazione ed adeguamento alla vigente normativa degli impianti antincendio, aspirazione fumi e ventilazione; centralizzazione della supervisione di tutti gli impianti (antincendio, aspirazione fumi, ventilazione, scale mobili, ascensori) sul banco dell’agente di stazione ; installazione in testa ai binari di nuovi paracolpi ad assorbimento di energia, conformi alle vigenti normative; ripristino ed implementazione impianti di Security (telecamere, monitor, ecc.).
  • la sostituzione di tutti i tornelli di uscita su Piazza Montesanto con un nuovo modello, dotato anche di contapersone, che ne rende più difficile l’utilizzo improprio in ingresso contrastando, di fatto, l’evasione.
190 CONDIVISIONI
Trasporto pubblico a Napoli
952 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views