immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Le forze dell'ordine sono intervenute poco prima delle 23 di ieri, 26 luglio, in seguito a una segnalazione di esplosione di colpi di arma da fuoco all'interno del rione Conocal, a Ponticelli, nell'area orientale di Napoli. Gli agenti della Polizia di Stato, durante i sopralluoghi, hanno rinvenuto un bossolo calibro 45 in via Chiaro di Luna; non risultano feriti o danni, le indagini sono in corso. Al momento non si esclude nessuna pista.

Il bossolo è stato trovato in via Al Chiaro di Luna, nessuna traccia dell'ogiva e non sono stati trovati danni negli appartamenti vicini. Difficile che possa essersi trattato di una stesa, visto il ritrovamento di un singolo bossolo; più probabile che ci sia invece stato un atto intimidatorio o un tentativo di ferimento che però non sarebbe stato denunciato; nel corso degli accertamenti le forze dell'ordine hanno passato in rassegna i Pronto Soccorso, ma non risulta nessuna persona arrivata con lesioni da arma da fuoco. L'area è quella che fino a qualche anno fa era il fortino del clan D'Amico di Ponticelli, poi disgregatosi sotto il peso di omicidi (come l'assassinio di Nunzia D'Amico, donna boss uccisa davanti a casa sua), degli arresti e per la guerra contro i rivali dei Di Micco.

Pochi giorni c'era stato un ferimento proprio tra le strade del Conocal: un giovane di 22 anni è stato colpito al polpaccio destro da un colpo di pistola. In ospedale e alle forze dell'ordine ha raccontato di essere stato bloccato nel pomeriggio dello scorso 25 luglio da due sconosciuti mentre era in moto e di aver reagito al tentativo di rapina, motivo che avrebbe portato alla ritorsione.