166 CONDIVISIONI
7 Agosto 2021
8:33

Camorra, arrestata a Roma Maria Licciardi, ‘a piccerella: era la boss del clan Licciardi

Arrestata Maria Licciardi, ‘a piccerella, boss del clan di camorra dei Licciardi. Stando a quanto si apprende, i carabinieri del Ros hanno eseguito un provvedimento di fermo emesso dalla procura della Repubblica di Napoli mentre la donna si trovava nella zona partenze dell’aeroporto di Roma Ciampino e stava per prendere un volo diretto in Spagna.
A cura di Enrico Tata
166 CONDIVISIONI

I carabinieri del Ros hanno arrestato Maria Licciardi, boss del clan di camorra dei Licciardi, elemento di vertice dell'Alleanza di Secondigliano. È la sorella del boss Gennaro ed è soprannominata ‘a piccerella per la sua statura bassa. I carabinieri ricordano che la donna era sfuggita a un maxi blitz del 2019. È accusata di associazione di tipo mafioso, estorsione, ricettazione di denaro di provenienza illecita e turbativa d'asta, tutti reati aggravati dalle finalità mafiose.

Stando a quanto si apprende, i carabinieri del Ros hanno eseguito un provvedimento di fermo emesso dalla procura della Repubblica di Napoli mentre la donna si trovava nella zona partenze dell'aeroporto di Roma Ciampino e stava per prendere un volo diretto in Spagna. I militari si sono avvicinati mentre stava per consegnare al check in il bagaglio da imbarcare sull'aereo. Non ha protestato quando è stata bloccata.

Il blitz del 2019 e la fuga

Maria Licciardi, ‘a piccerella, è scappata in occasione di un blitz anticamorra dei carabinieri del 2019, l'operazione ‘Cartagena'. Come detto si tratta della sorella di Gennaro Licciardi, detto ‘a Scigna, capo storico del clan omonimo, morto di setticemia in carcere e fondatore dell'Alleanza di Secondigliano insieme ai boss Edoardo Contini e Francesco Mallardo.

Il 12 febbraio del 2019 è stato arrestato Giuseppe Musella, 47 anni, ‘o niro, il figlio di Maria Licciardi. Latitante da quatto mesi, si era rifugiato a Scampia in una stanza segreta. I poliziotti riuscirono a identificare l'appartamento dove si era nascosto e fecero irruzione. Musella era ricercato dall'ottobre del 2018, quando riuscì a sottrarsi da un decreto di arresto emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli, per i reati di associazione per delinquere, rapina e sequestro di persona.

166 CONDIVISIONI
Gomorra 5: a chi sono ispirati i boss e i clan della serie tv
Gomorra 5: a chi sono ispirati i boss e i clan della serie tv
194.755 di Fanpage.it Napoli
Faida di Napoli Est, il pentito del clan: "Annamaria supplicava, il boss la fece inginocchiare e le sparò"
Faida di Napoli Est, il pentito del clan: "Annamaria supplicava, il boss la fece inginocchiare e le sparò"
Le case popolari gestite dalla camorra: così il Bronx di San Giovanni è diventato fortino del clan
Le case popolari gestite dalla camorra: così il Bronx di San Giovanni è diventato fortino del clan
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni