101 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Campi Flegrei

Bradisismo Campi Flegrei, “i vigili del fuoco non bastano, vanno potenziati”: interrogazione al Governo

Interrogazione a Piantedosi del parlamentare Arturo Scotto. La richiesta del sindacato Usb: “Bisogna rafforzare l’organico ai Campi Flegrei e potenziare la sede di Mostra”
A cura di Pierluigi Frattasi
101 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"I vigili del fuoco non bastano per fronteggiare l'emergenza ai Campi Flegrei, bisogna potenziarli". Questo il succo dell'interrogazione parlamentare, firmata dal deputato Arturo Scotto (Pd), indirizzata al ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, il 23 maggio scorso, dopo lo sciame sismico del 20 maggio con la scossa di magnitudo 4.4, la più forte degli ultimi 40 anni. Anche il sindacato Usb ha chiesto di potenziare l'organico dei pompieri nella zona per poter dare risposte più efficienti all'attuale crisi bradisismica.

Scotto (Pd) a Piantedosi: "Rafforzare i vigili del fuoco"

Nell'interrogazione parlamentare a risposta scritta, il deputato Arturo Scotto (Pd), afferma:

il giorno 20 maggio 2024 si sono registrate continue scosse di terremoto, di cui la più forte avvertita è stata di magnitudo 4.4, che hanno interessato l'ormai nota zona dei Campi Flegrei e i territori limitrofi; la cittadinanza residente nella zona flegrea, ormai provata da mesi, si è riversata per le strade cittadine. Si sono registrate innumerevoli manifestazioni di ansia, segnalazioni di danni, nonché numerose chiamate alla sala operativa del Comando di Napoli per richiedere interventi da parte del personale dei Vigili del fuoco;

suddetta zona, come d'altronde tutta l'area della Città Metropolitana di Napoli, pur registrando fra le sue peculiarità un elevato rischio sismico e idrogeologico, comprende un agglomerato urbano di quasi 3 milioni di abitanti, distribuiti con una densità abitativa di circa 2.531,8 ab./km quadrato. Una consistente parte della cittadinanza, peraltro, risiede nella suddetta zona dei Campi Flegrei;

Poi aggiunge:

circa un anno fa, le organizzazioni sindacali si erano già fatte carico di segnalare gli innumerevoli rischi di tale condizione, fornendo esempi di evidenti parametri critici; risulta ancora ad oggi non risolta l'annosa questione del distaccamento cittadino «Mostra», una sede strategica posta nel territorio interessato dal suddetto evento sismico, e che non ha più personale appartenente ai Vigili del fuoco;

è allarmante che allo stato attuale le risorse impiegate sul territorio risultino, in termini quantitativi, del tutto insoddisfacenti se comparate alle richieste pervenute dalla cittadinanza; le dotazioni organiche del Comando di Napoli, peraltro, le dotazioni organiche dei distaccamenti della zona flegrea non risultano essere adeguatamente classificate in SD5, ovvero dotate di un numero di addetti in grado di servire una realtà così complessa e così densamente abitata:

Infine, chiede di "mettere in campo un impegno concreto affinché si possano risolvere le problematiche per la sede dei Vigili del fuoco «Mostra», consentendone l'apertura nel più breve tempo possibile, nonché stanziare risorse economiche ad hoc per fronteggiare l'emergenza in essere, e infine disporre le assegnazioni di nuovi automezzi, ai fini di un rinnovo del «parco automezzi», i cui veicoli risultano troppo datati rispetto alle attuali esigenze specifiche e se non ritenga, dato lo stato di necessità, di provvedere ad una mobilità nazionale straordinaria del personale vigile del fuoco residente e attualmente fuori sede".

Usb: "Servono risorse aggiuntive per i Campi Flegrei"

Anche il Coordinamento Provinciale USB Vigili del fuoco di Napoli, con Salvatore Spavone, è intervenuto sul tema con una nota, richiedendo "interventi urgenti" per far fronte allo sciame sismico, "non escludendo la possibilità di richiamo del personale residente, con assegnazione specifica". Il sindacato di base, in particolare, ha chiesto risposte:

  • sulla sede di servizio Mostra.
  • problematiche inerenti le carenze di organico e di automezzi del Comando di Napoli.
  • riclassificazione del Comando di Napoli, vista la complessità unica al mondo del territorio che meriterebbe condizioni e parametri diversi per la formulazione delle dotazioni organiche;
  • ed altre che espliciteremo in sede di audizione ad un incontro
101 CONDIVISIONI
270 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views